Solidarietà Brindisi 

“Preso Bene”, percorso di partecipazione e formazione: nuove prospettive legate al riutilizzo dei beni confiscati alla mafia

Nella giornata di ieri, presso Palazzo Guerrieri, è stato avviato “Preso Bene”, percorso di partecipazione e formazione promosso nell’ambito del progetto “Circolo della legalità”

BRINDISI - Nella giornata di ieri, presso Palazzo Guerrieri, è stato avviato “Preso Bene”, percorso di partecipazione e formazione promosso nell’ambito del progetto “Circolo della legalità” diretto a costruire nuove prospettive legate al riutilizzo dei beni confiscati alla mafia.

Le organizzazioni del territorio e i singoli che hanno aderito alla “call to action” avranno a disposizione un ciclo di laboratori, seminari ed esperienze finalizzate a sperimentare nuovi modelli di gestione, con un focus particolare su un locale commerciale sito in Viale Commenda. 

A questo percorso tra poco si affiancherà quello di “Brindisi per bene”, altro progetto finanziato dalla Regione Puglia, che interesserà ulteriori beni confiscati della città. E ancora i due progetti finanziati dal PNRR per la realizzazione di due appartamenti per padri separati e un market solidale. 


Questi risultati non vengono per caso ma sono il frutto di anni in cui l’amministrazione comunale, al fianco della cittadinanza attiva e di associazioni come Libera che svolgono un lavoro incessante sul territorio,  ha deciso di investire sul tema, anche e soprattutto grazie al lavoro del settore PES e al supporto dello staff del progetto “Circolo della legalità”. 

“Grazie a loro il Comune oggi ha a disposizione (e pubblicato sul sito istituzionale) l’anagrafe completa e dettagliata del patrimonio dei beni confiscati di Brindisi, e oggi può lavorare a nuovi progetti legati al loro riutilizzo a fini sociali - spiegano i responsabili dell’associazione Ora tocca a noi - L’attenzione ai beni confiscati è per noi una priorità capace di unire al forte valore simbolico di restituire alla comunità spazi precedentemente legati a contesti criminali, il valore concreto che questi possono rappresentare in termini di ricaduta sociale, attivazione della comunità e creazione di opportunità anche economiche e lavorative. 

Dal bene confiscato al bene riutilizzato. Dai circuiti criminali all’economia legale. Dalla sopraffazione alla condivisione. Questa è la strada”. 


Potrebbeinteressarti


Nuovi ospedali, Amati: “Si procede ma persistono difficoltà: per Taranto temo slittamento del fine lavori, per Monopoli-Fasano ritardi per arredi e attrezzature”

Per il nuovo ospedale di Taranto si è risolto il problema delle risorse necessarie per bandire le gare per l’acquisto di arredi e attrezzature, pari ad euro 105milioni, ma temo lo slittamento del termine di fine lavori del 18 novembre 2022, a causa dei ritardi accumulati sinora e che impediscono la realizzazione dell’ultimo 15 per cento delle lavorazioni