Ambiente Fasano 

La biodiversità dei fondali marini della ZSC “Litorale brindisini” - Progetto SASPAS “Safe Anchoring and Seagrass Protection in the Adriatic Sea”

In programma il 21 giugno 2022 alle ore 17:30, a Fasano (BR) presso la Sala di Rappresentanza del Comune, l’evento “La biodiversità dei fondali marini della ZSC”, “Litorale brindisino”organizzato dal Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo per un confronto sul tema della tutela della biodiversità dell’ecosistema marino

FASANO - In programma il 21 giugno 2022 alle ore 17:30, a Fasano (BR) presso la Sala di Rappresentanza del Comune, l’evento La biodiversità dei fondali marini della ZSC “Litorale brindisino”organizzato dal Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo per un confronto sul tema della tutela della biodiversità dell’ecosistema marino e per presentare i risultati della Mappa Biocenotica realizzata nell’ambito del Progetto di Cooperazione Territoriale Europea SASPAS - “Safe Anchoring and Seagrass Protection in the Adriatic Sea”, finanziato dal Programma INTERREG V-A Italia – Croazia 2014/2020.

 

Il Consorzio di Gestione del Parco Naturale Regionale Dune costiere da Torre Canne a Torre S. Leonardo è partner del progetto SASPASche si concluderà il 30 giugno 2022, e che coinvolge sul versante italiano il Comune di Monfalcone, in qualità di partner Capofila, la Cooperativa SELC di Venezia, il CONISMA con l’Università di Trieste, il CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia e sul versante croato il Parco Nazionale delle Isole IncoronateSUNCE - l’Associazione per la natura, l’ambiente e lo sviluppo sostenibile ed il Dipartimento di Biotecnologia dell’Università di Rijeka.

 

La sfida comune del progetto SASPAS è quella di preservare e migliorare lo stato di conservazione della biodiversità dell’ecosistema del mare Adriatico per diminuire la sua vulnerabilità attraverso trapianti pilota di Posidonia oceanica, attività di monitoraggio, la posa di boe eco-compatibili e la definizione di linee guida per la gestione integrata di queste risorse marine nell’ottica di un opportuno equilibrio tra fruizione, protezione e conservazione. (https://saspas.eu)

 

Le azioni concrete sono state condotte in tre siti facenti parte della Rete Europea Natura 2000 e sottoposti a diversi gradi di pressione antropica: il Golfo di Panzano (Comune di Monfalcone), il litorale del Parco Naturale Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo ed il Parco Nazionale delle Isole Incoronate in Croazia. Le soluzioni innovative proposte nell’area adriatica, in termini concreti e di governance, potranno essere estese anche in altri contesti marini.

 

Tra le azioni concrete attuate nel Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo oltre al trapianto pilota di Posidonia oceanica, eseguito e presentato nel 2021, sono state eseguite tre campagne di monitoraggio dell’habitat ed è stata realizza una mappa biocenotica dell’area ZSC “Litorale brindisino” i cui risultati saranno presentati durante l’evento. 

 

Interverranno all’eventoAnna Grazia Maraschio - Assessora all’Ambiente della Regione Puglia, Annarita Angelini - Presidente del Parco Dune Costiere, Francesco Zaccaria - Sindaco del Comune di Fasano, Luana Amati - Assessora Porti e Demanio marittimo del Comune di Fasano, Antonietta Lonigro - Commissaria Prefettizia del Comune di Ostuni, Giuseppe Ventrella - Referente del Parco Dune Costiere per la Provincia di BrindisiCaterina Dibitonto - Dirigente del Servizio Parchi e Tutela della Biodiversità della Regione Puglia, Marco Dadamo - Biologo ed esperto ambientale della società Studio Sigma che ha realizzato la mappa biocenotica ed Alessandro Ciccolella - Direttore della Riserva Naturale dello Stato / Area Marina Protetta di Torre Guaceto.

 

L’evento si concluderà con un dibattito sul tema tra le istituzioni, gli esperti e gli stakeholder presenti.

Potrebbeinteressarti


Ruba una radio da un negozio, la polizia lo arresta

È stato lo stesso titolare del negozio a segnalare l’accaduto. Infatti, accortosi della presenza di B.B. che si aggirava con fare sospetto tra gli scaffali del locale, lo ha osservato e quando ha notato il momento in cui si impossessava dellaradio dandosi alla fuga, ha informato immediatamente la Polizia