Spettacoli Brindisi 

Una storia dedicata al favoloso mondo dei sogni domenica 25 e lunedì 26 luglio: Celestina e la luna, spettacolo prodotto dal Teatro Crest

Ancora bambini protagonisti domenica 25 e lunedì 26 luglio con una storia da scoprire dedicata al loro favoloso mondo dei sogni: appuntamento in piazza Duomo a Brindisi alle ore 21 con «Celestina e la luna»

Ancora bambini protagonisti domenica 25 e lunedì 26 luglio con una storia da scoprire dedicata al loro favoloso mondo dei sogni: appuntamento in piazza Duomo a Brindisi alle ore 21 con «Celestina e la luna», spettacolo prodotto dal Teatro Crest per la drammaturgia di Damiano Nirchio, anche regista con Anna de Giorgio, un viaggio tra gli estrosi orizzonti di una bambina determinata a conquistare la luna. Ingresso con distanziamento secondo le normative antiCovidEtà consigliata: dai 5 anniDurata: 50 minuti. In scena Maristella Tanzi, Anna de Giorgio e Nico Pisani. Gli appuntamenti sono organizzati con il sostegno dei fondi regionali destinati al piano straordinario per la cultura e lo spettacolo «Custodiamo la Cultura in Puglia».

 

Celestina è una bambina con un’immaginazione senza confini, sempre persa dietro progetti inverosimili o imprese strampalate. Ma le sue doti così speciali le costano tanta solitudine e gli sfottò anche pesanti degli altri ragazzini. Unica amica possibile, e necessaria, è Amie, un’amica immaginaria che da tempo la affianca in ogni impresa. L’ultimo progetto della nostra eroina è… la luna: mesi di calcoli e coloratissimi disegni dimostrano che lo spazio è a portata di mano e andare sulla luna un gioco da ragazzi. Anzi… da ragazze! Celestina compie veramente il suo viaggio verso la città e l’Accademia delle Scienze? Incontra veramente quegli strani personaggi che ostacolano il suo cammino? Oppure sogna, tranquillamente addormentata nella sua stanza? Di certo, le qualità, gli strumenti, le “armi” che la piccola protagonista deve affilare per vincere le difficoltà, sono reali e la costringono ad una evidente crisi e ad un necessario sviluppo che al risveglio-ritorno la troverà diversa, cresciuta e consapevole dei propri mezzi e della propria identità. Il sogno è uno strumento necessario alla crescita. 

 

Le fiabe aiutano a ricordare, a rivivere, a esplorare il mondo, a classificare persone, destini, avvenimenti. Aiutano a costruire le strutture dell’immaginazione, che sono le stesse del pensiero. A stabilire il confine tra le cose vere e le cose inventate. Insomma, se le fiabe non esistessero bisognerebbe inventarle. Gianni Rodari

Potrebbeinteressarti


«Made in Brindisi», un viaggio nella storia del tango argentino

Lo spettacolo racconta la storia del tango prima che la popolare arte sudamericana scoprisse i lustrini del palcoscenico o le sale da concerto, com’è accaduto con il padre del «tango nuevo», Astor Piazzolla, del quale quest’anno ricorre il centenario della nascita: l’ensemble compie un periplo originale dagli anni Trenta a Piazzolla, fino ad arrivare a Richard Galliano.