Scuola Fasano 

Scuola dell’Infanzia «Pietro Nenni», approvato il progetto di rifacimento del giardino

L’intervento, del costo totale di circa 176mila euro, sarà coperto con le risorse 2021 e 2022 del Fondo Sviluppo e Coesione. Francesco Zaccaria: «Un intervento innovativo che proietterà l’istituto in nuove modalità didattiche di apprendimento»

FASANO – Il giardino della scuola trasformato in una moderna aula all’aperto con percorsi sensoriali, tattili, sonori e cromatici. E vere e proprie aule verdi per una didattica nella natura che faccia vivere ai più piccoli un’esperienza inedita di nuovi apprendimenti. 

 

Gli spazi esterni della scuola dell’Infanzia «Pietro Nenni» saranno completamente riqualificati grazie a un innovativo progetto di manutenzione del cortile esterno approvato dall’amministrazione guidata dal sindaco uscente Francesco Zaccaria.

 

Ispirato ai principi dell’outodoor education, cioè il fare scuola in spazi aperti, il progetto prevede la realizzazione di una vera e propria scuola en plein air. 

 

Ci saranno aule all’aperto, spazi per laboratori di terra «cruda», orti didattici, luoghi che diventeranno percorsi sensoriali, tattili, cromatici per lavorare sui cinque sensi e sui principi cardine della didattica per bambini fino a sei anni: i campi di esperienza. 

 

Ci sarà anche una piccola palestra all’aperto con pavimento in gomma anti-trauma per consentire di coinvolgere i bambini, in modo ludico-creativo, in esperienze fisiche diversificate per consolidare le capacità motorie di base con i benefici dell’esposizione al sole e all’aria aperta.

E ancora: ci saranno un frutteto didattico e un percorso psico-motorio e ludico. Insomma da luogo di abbandono e degrado, il cortile della scuola diventerà spazio didattico moderno e all’avanguardia. 

 

«L’obiettivo - spiega il candidato sindaco Francesco Zaccaria - è rendere maggiormente attrattivo lo spazio esterno attraverso interventi di riqualificazione che renderanno le aree attualmente inutilizzate, veri e propri luoghi di apprendimento in connessione e continuità con l’ambiente interno. Questo consentirà ai nostri piccoli alunni di fare scuola in modo davvero innovativo attraverso una proposta didattica che percorre nuovi percorsi di apprendimento. Percorsi che vanno oltre la didattica frontale proponendo al bambino forme di apprendimento esperienzali e quindi ancora più coinvolgenti. La riqualificazione dello spazio esterno di questa scuola è un ulteriore tassello nel programma di riqualificazione degli istituti scolastici di tutto il territorio che in questi anni abbiamo realizzato grazie agli oltre 12 milioni e mezzo di euro investiti in scuole tra finanziamenti ottenuti e somme messe in bilancio. Questo intervento è il segno del cambiamento che abbiamo attuato in questi anni: investendo nella riqualificazione delle scuole abbiamo  scelto di investire nel futuro dei nostri figli e quindi nel domani della nostra città per una Fasano sempre più a misura dei giovani e del loro benessere». 

 

L’intervento, del costo totale di circa 176mila euro, sarà coperto con le risorse 2021 e 2022 del Fondo Sviluppo e Coesione – D.P.C.M. 17 luglio 2020 di assegnazione dei contributi per investimenti in infrastrutture sociali ai Comuni del Mezzogiorno (circa 110mila euro). La restante parte sarà coperta con fondi comunali.

Potrebbeinteressarti


Scuola e mezzi pubblici, in Prefettura si pensa di risolvere con il doppio turno in entrata e uscita (uno solo per chi abita in provincia)

Dopo un ampio confronto e d’intesa con le aziende di trasporto, l’Ufficio Scolastico Provinciale ed i Dirigenti degli Ambiti Br 11 e Br 12 si è deciso di lavorare su una ipotesi di raccordo che preveda il doppio turno in ingresso ed in uscita, in parte attenuato con alcuni accorgimenti che consentano di non protrarre di molto la presenza a scuola delle ore pomeridiane

Vaccinazioni terminate nelle scuole brindisine, adesione quasi totale

La scuola brindisina festeggia la vaccinazione quasi totale del personale (con qualche defezione inevitabile dovuta alla cattiva pubblicità che si è fatto il vaccino Astrazeneca e alle paure di rarissimi casi di trombosi che potrebbero avere un collegamento con l'inoculazione delle dosi), mentre prosegue la campagna di vaccinazione anti-Covid 19 di massa in Italia, nonostante i ritardi dovuti ad alcune mancate consegne delle dosi.