Scuola Brindisi 

Il 20 settembre si torna a scuola in Puglia, resta l'incertezza sui controlli per il Green Pass

BRINDISI - Tra incertezze e disagi legati principalmente alla pandemia da Covid-19, il 20 settembre in Puglia si dovrà tornare tra i banchi di scuola. A partire dal primo settembre, entreranno in vigore nuove norme stringenti per limitare il contagio e riprendere le attività didattiche in presenza e, soprattutto, in sicurezza.

BRINDISI - Tra incertezze e disagi legati principalmente alla pandemia da Covid-19, il 20 settembre in Puglia si dovrà tornare tra i banchi di scuola. A partire dal primo settembre, entreranno in vigore nuove norme stringenti per limitare il contagio e riprendere le attività didattiche in presenza e, soprattutto, in sicurezza. 

Il personale ATA e i docenti dovranno essere muniti di Green Pass, chi non avrà la certificazione sarà considerato assente ingiustificato e dopo 5 giorni sarà sospeso dal rapporto di lavoro (e non sarà corrisposto lo stipendio). 

Per gli studenti, invece, il Green Pass non sarà obbligatorio, permangono soltanto gli obblighi di indossare la mascherina e di rispettare il distanziamento sociale. Inoltre, non si potrà accedere ai locali scolastici in caso di temperatura superiore ai 37,5° o di sintomatologia respiratoria. Le regole saranno leggermente diverse in ambito universitario: qui l'obbligo di Green Pass è esteso anche agli studenti che vorranno partecipare alle lezioni in presenza ed esami. La sanzione per dipendenti e dirigenti scolastici presenti a lavoro senza Green Pass sarà una multa da 400 a 1000 euro. Le mascherine saranno obbligatorie per tutti gli alunni dai 6 anni a salire, nella scuola dell'infanzia saranno indossate solo dagli insegnanti. 


Non è ancora chiaro come le scuole dovranno controllare il possesso del Green Pass, con i presidi che stanno vibratamente protestando contro il possibile controllo quotidiano delle certificazioni. 

Gli scontenti in materia di Green Pass, tra docenti e personale ATA, hanno annunciato nei giorni scorsi una protesta presso il Ministero dell'Istruzione che si terrà il 30 Agosto, dalle ore 11:00 alle ore 14:00, contro l'obbligatorietà di acquisire e mostrare il Green Pass per recarsi sul posto di lavoro. Sostanzialmente, la protesta è rivolta contro il decreto-legge 111/6 Agosto 2021 ("Misure urgenti per l'esercizio in sicurezza delle attivita' scolastiche, universitarie, sociali e in materia di trasporti"), con particolare riferimento al comma 6 dell'art.1 del suddetto decreto.

Potrebbeinteressarti


Scuola e mezzi pubblici, in Prefettura si pensa di risolvere con il doppio turno in entrata e uscita (uno solo per chi abita in provincia)

Dopo un ampio confronto e d’intesa con le aziende di trasporto, l’Ufficio Scolastico Provinciale ed i Dirigenti degli Ambiti Br 11 e Br 12 si è deciso di lavorare su una ipotesi di raccordo che preveda il doppio turno in ingresso ed in uscita, in parte attenuato con alcuni accorgimenti che consentano di non protrarre di molto la presenza a scuola delle ore pomeridiane

Vaccinazioni terminate nelle scuole brindisine, adesione quasi totale

La scuola brindisina festeggia la vaccinazione quasi totale del personale (con qualche defezione inevitabile dovuta alla cattiva pubblicità che si è fatto il vaccino Astrazeneca e alle paure di rarissimi casi di trombosi che potrebbero avere un collegamento con l'inoculazione delle dosi), mentre prosegue la campagna di vaccinazione anti-Covid 19 di massa in Italia, nonostante i ritardi dovuti ad alcune mancate consegne delle dosi.

Esami di stato solo orali anche quest?anno: il dubbio della presenza

Il Ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, ha deciso: l'esame conclusivo di scuola media e scuola superiore sarà soltanto orale. C'è ancora un dubbio da chiarire: gli alunni verranno esaminati in presenza o da casa? Sarà la curva pandemica a decidere! Ma a giugno ci auguriamo che anche la terza ondata si sia spenta definitivamente