Sanità Ceglie Messapica 

Disagi a Ceglie Messapica, la Asl chiarisce che non ci sono automatismi: “Ognuno ha diritto a scegliersi il suo medico”

In riferimento ai disagi segnalati da alcuni utenti di Ceglie Messapica che lunedì scorso si sono rivolti allo sportello anagrafe per la scelta del medico di base, la Asl di Brindisi precisa prima di tutto che ogni cittadino iscritto al Servizio Sanitario Nazionale ha diritto alla scelta del proprio medico e non sono previsti automatismi

In riferimento ai disagi segnalati da alcuni utenti di Ceglie Messapica che lunedì scorso si sono rivolti allo sportello anagrafe per la scelta del medico di base, la Asl di Brindisi precisa prima di tutto che ogni cittadino iscritto al Servizio Sanitario Nazionale ha diritto alla scelta del proprio medico e non sono previsti automatismi nel caso di pensionamenti o conferme di sostituzioni. 

Nel caso in questione si trattava, infatti, di un medico passato da un contratto a termine a uno a tempo indeterminato. Pertanto occorreva effettuare una nuova scelta (o conferma) da parte degli assistiti. Difficoltà e rallentamenti nelle procedure possono insorgere poi nel caso di medici massimalisti che hanno 1500 assistiti e oltre, come nel caso del comune di Ceglie, in cui tutti i medici rientrano in questa categoria. 

Per gestire la situazione contingente ed evitare assembramenti, nell'ufficio di Ceglie Messapica sono stati potenziati gli sportelli e distribuiti biglietti elimina code nei giorni di maggiore afflusso. La situazione ora è ritornata alla normalità.

La Asl ricorda che la scelta e revoca del medico si può effettuare anche online tramite il Portale della Salute con credenziali Spid livello 2, Carta d’identità elettronica (Cie) o con una smart card che risponda ai requisiti della Carta nazionale dei servizi (Cns), compresa la Tessera sanitaria con funzione di Cns (Ts-Cns). 

Chi non può accedere ai servizi online, in alternativa allo sportello, può fare richiesta di scelta e revoca di medico di base e pediatra, esenzione ticket per patologia e invalidità scrivendo una mail al distretto di competenza.

La documentazione da presentare: autocertificazione ai sensi del Dpr 445/2000 datata e firmata, copia del documento di identità e della tessera sanitaria, recapito telefonico, cognome e nome del medico scelto.

Potrebbeinteressarti