Salute e Benessere Brindisi 

Giornata mondiale contro l’ipertensione arteriosa: iniziativa in Nefrologia del Perrino

Lo slogan “Misura e controlla la tua pressione per vivere più a lungo”, è stato negli ultimi anni il motivo conduttore della Giornata Mondiale contro l’Ipertensione Arteriosa, promossa in tutto il mondo dalla World Hypertension League, in programma il 17 maggio di ogni anno.

Lo slogan “Misura e controlla la tua pressione per vivere più a lungo”, è stato negli ultimi anni il motivo conduttore della Giornata Mondiale contro l’Ipertensione Arteriosa, promossa in tutto il mondo dalla World Hypertension League, in programma il 17 maggio di ogni anno. 

In Italia l’appuntamento annuale vede protagonista la Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa. Finalità della giornata è favorire una maggiore consapevolezza del rischio associato alla malattia ipertensiva, una più diffusa consuetudine al periodico monitoraggio dei valori pressori ed una maggiore aderenza dei pazienti alla terapia antipertensiva. Il contributo che tutti potranno offrire durante la Giornata Mondiale è rilevante, pari al contributo che medici, farmacisti, infermieri e cittadini comuni possono offrire – nella quotidianità – alla prevenzione cardiovascolare ed alla sensibilizzazione reciproca nei confronti di un corretto stile di vita. 

Per Luigi Vernaglione, direttore della Struttura complessa di Nefrologia dell’ospedale Perrino di Brindisi “in Italia, l’ipertensione arteriosa rappresenta il più rilevante determinante di infarto miocardico e cerebrale, scompenso cardiaco, insufficienza renale cronica e/o fibrillazione atriale. Più del 30% della popolazione italiana adulta è affetta da ipertensione arteriosa, con percentuali ampiamente superiori nelle fasce più avanzate di età e di quasi il 10% tra bambini, adolescenti e giovani”.

Sebbene nella maggior parte dei casi l’ipertensione arteriosa risulti controllata dalla terapia – dice ancora il direttore di Nefrologia - almeno il 35% degli italiani ipertesi presenta, malgrado la terapiavalori pressori superiori a 140/90 mmHg. Almeno il 30% degli italiani, inoltre, sono ipertesi, ma ignorano del tutto di esserlo. Come indicato dai dati OSMED, infine, la aderenza e persistenza in terapia anti ipertensiva rappresentano un problema nel problema: di 100 compresse di farmaco antiipertensivo, con ampie differenze tra classe e classe di farmaci e farmaci in combinazione fissa oppure estemporanea, i pazienti italiani ne assumono mediamente 60-70. Questo, ovviamente, con importanti ripercussioni sul controllo pressorio e sulla spesa sanitaria

In occasione della Giornata Mondiale, compito dei 116 centri e ambulatori accreditati dalla Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa - tra cui il Centro Ipertensione della Nefrologia delPerrino, sarà promuovere questa consapevolezza con la misurazione della pressione arteriosa e la somministrazione di un questionario semplificato ad hoc

Il dottor Luigi Vernaglione sarà a disposizione dei cittadini, insieme alla dottoressa Cosima Balestra, martedì 17 maggio dalle 9 alle 16 nell’ambulatorio di Nefrologia del Perrino all’8° piano scala A. L’adesione è gratuita e non richiede prenotazione.


Potrebbeinteressarti

Intervista al professore Alessandro Repici: “Abbiamo dimostrato che l’intelligenza artificiale riduce l’incidenza dei tumori al colon e retto. Puglia a macchia di leopardo”

Il prof Alessandro Repici, direttore del Dipartimento di Gastroenterologia di Humanitas e docente di Humanitas University e Direttore Scientifico di Humanitas Istituto Clinico Catanese, insieme al prof. Cesare Hassan, ha dimostrato che con l’intelligenza artificiale si riduce il rischio di tumori al colon e al retto e si prevengono più facilmente queste gravissime patologie

Malattie del fegato, dalle “Giornate Epatologiche Brindisine” importanti indicazioni sulle nuove terapie

Si sono chiuse stamattina le “Giornate Epatologiche Brindisine”, congresso patrocinato dalla Asl di Brindisi, dal Comune di Brindisi e da @Siemc, l’associazione italiana di ecografia in medicina e chirurgia, e presieduto dal prof. Pietro Gatti, direttore del Dipartimento Area Medica della Asl di Brindisi e direttore dell’Uoc di Medicina Interna dell’ospedale Perrin