Politica Brindisi 

Brindisi, tutto pronto per il rilancio della città e per la difesa del litorale brindisino dall’erosione: ecco i progetti del Contratto di Sviluppo

Il sindaco Riccardo Rossi esulta per l’arrivo delle risorse che riqualificheranno Brindisi: “È ufficiale, un risultato inseguito dall’inizio del nostro mandato, è finalmente arrivato: il 28 giugno sottoscriveremo il Contratto di Sviluppo di Brindisi con il Ministro Carfagna”

BRINDISI -  Il sindaco Riccardo Rossi esulta per l’arrivo delle risorse che riqualificheranno Brindisi: È ufficiale, un risultato inseguito dallinizio del nostro mandato, è finalmente arrivato: il 28 giugno sottoscriveremo il Contratto di Sviluppo di Brindisi con il Ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna.

 

Ci abbiamo creduto da subito, nonostante si siano succedute tre legislature differenti, non abbiamo mai desistito; Brindisi merita un contratto con il Governo per il rilancio della città e ora è realtà.

 

Abbiamo ottenuto come interventi immediatamente cantierabili: la riqualificazione dellex Collegio Tommaseo come Polo dellInnovazione del Mare per un valore di 30 milioni di euro. Un complesso monumentale la cui ristrutturazione è imponente e che la città chiedeva da decenni, essendo stato un fiore allocchiello della formazione, un simbolo di eccellenza per Brindisi che tornerà a splendere.

 

Abbiamo ottenuto 17,2 milioni di euro per la difesa del litorale dallerosione della costa, compreso il tratto di falesia presente nella riserva naturale di Torre Guaceto;un altro intervento fondamentale per il futuro di Brindisi per la valorizzazione del suo patrimonio naturale riconosciuto per la sua bellezza in tutto il mondo.

 

A questo si aggiungono 5 milioni di euro per il recupero di una prima parte dellisola di SantAndrea, un altro luogo identitario della nostra città di raccordo con il Castello Alfonsino.

 

Anche gli altri progetti presentati sono stati ritenuti ammissibili e potranno trovare finanziamento con ulteriori risorse che il Governo potrà reperire.

 

Questi tre anni hanno rappresentato una grande stagione di progettazione: con il Palaeventi, i fondi del PNRR e quelli CIS abbiamo ottenuto oltre 200 milioni di euro. Questo significa che nei prossimi anni la città di Brindisi cambierà volto e diventerà una delle più importanti città del Mediterraneo”. 

Potrebbeinteressarti