Politica Ambiente Brindisi 

Elezioni provinciali: i più votati Matarrelli e Barletta. Il centrosinistra conserva il vantaggio

Il sindaci di Villa Castelli, Giovanni Barletta, è quello di Mesagne, Toni Matarrelli sono i più suffragati, i grandi vincitori delle provinciali, che sono ormai elezioni di secondo grado (votano i loro rappresentanti tutti i sindaci e i consiglieri dei vari comuni brindisini).

BRINDISI - Il sindaci di Villa Castelli, Giovanni Barletta, è quello di Mesagne, Toni Matarrelli sono i più suffragati, i grandi vincitori delle provinciali, che sono ormai elezioni di secondo grado (votano i loro rappresentanti tutti i sindaci e i consiglieri dei vari comuni brindisini). La riforma delle province è un obbrobrio renziano che resta in piedi. Il centro sinistra resta in vantaggio con otto seggi. Il sindaco rossi si dimetterà permettere al suo posto un vice. 


FASANO PRESENTE 


 Fasano presente nel nuovo Consiglio provinciale. Tra gli eletti c’è Giuseppe Ventrella, consigliere comunale del Pd, che ha ottenuto 4.212 voti. In totale al centrosinistra sono andati 8 seggio, la metà al centro destra. 

«Auguro buon lavoro al nostro consigliere di maggioranza e a tutti i nuovi eletti - ha dichiarato il sindaco Zaccaria -. Sono certo che Giuseppe Ventrella lavorerà con entusiasmo e impegno proseguendo quanto fatto egregiamente fino ad oggi dal consigliere uscente Giuseppe Pace che ringrazio. Per Fasano continuare ad avere un rappresentante in Provincia significa poter incidere sul territorio in sinergia con tutte le realtà del comprensorio brindisino con particolare riferimento alle tematiche di competenza dell’ente e cioè strade, scuola, ambiente. Temi, questi, che da sempre sono priorità della nostra azione amministrativa».

 

Le elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale di Brindisi si sono svolte ieri, sabato 18 dicembre.

 

«La candidatura alla provincia è frutto di un lavoro di squadra maturato al termine di un dibattito e di una condivisione che hanno portato all’unità d'intenti che mi ha visto eletto - dice Giuseppe Ventrella -. La sfida più grande che ci attende è quella di dotare di mani operose questo ente che deve essere in grado di gestire i fondi del PNRR con ricadute importanti sulla vita dei cittadini». 

 

Si sono recati alle urne 318 dei 339 elettori aventi diritto (consiglieri comunali di tutta la provincia) per un'affluenza del 93.781%.

Sono 8 i consiglieri provinciali eletti per il centrosinistra nella lista Provincia unita e Democratica, mentre sono 3 consiglieri di opposizione della lista Fratelli d’Italia e 1 nella lista Brindisi Libera (composta da Lega e Forza Italia). Nessun consigliere eletto per il Movimento 5 Stelle.

 

Questa la composizione del nuovo consiglio provinciale di Brindisi:

Provincia unita e Democratica: Barletta Giovanni 11.208, Matarrelli Antonio 10.044, Fanigliulo Valentina 5.304, Ciccarese Elio 4.980, Marasco Angelo 4.524, Ventrella Giuseppe 4.212, Tardio Cosimo 3.888, Baccaro Antonia 3.516.

Fratelli d’Italia: Conte Francescantonio 5.748, Bagnulo Giuseppe 4.800, Oggiano Massimiliano 4.548.

Brindisi Libera: Lariccia Michele Tommaso 5.388.

Potrebbeinteressarti


Rigenerazione sostenibile, appello a 20 sindaci dei Comuni brindisini: progetto di riforestazione per ridare verde e bellezza al Salento

Dopo il ciclo di incontri con i sindaci dei Comuni del Leccese e del Tarantino, il Distretto Agroalimentare Jonico Salentino (DAJS) è pronto a sensibilizzare tutte le amministrazioni locali del Brindisino sul Piano di Rigenerazione sostenibile e sul progetto di riforestazione, per ridare verde e bellezza al Salento ferito da Xylella fastidiosa