Politica Economia e lavoro Brindisi 

Vasca di colmata BR, Amati: “Abbiamo finalmente convinto tutti. Non mi sento più solo. Si parta senza indugi“

La conferenza stampa del presidente dell’Autorità di sistema portuale Ugo Patroni Griffi ha fatto scoppiare la pace e ha corretto anche gli ultimi commenti dubbiosi e fondati su refusi tecnici: le modifiche al progetto della cassa di colmata sono avvenute per motivi paesaggistici e non idrogeologici

BRINDISI - Abbiamo finalmente convinto tutti, anche i più riottosi, ed è una meraviglia passare dagli invernali tuoni e fulmini ai primaverili canti degli uccellini. Per la vasca di colmata nel porto di Brindisi si parta dunque senza più indugi e si prosegua sulla strada della concordia”. 


Lo dichiara il presidente della commissione regionale bilancio e programmazione Fabiano Amati.

“La conferenza stampa del presidente dell’Autorità di sistema portuale Ugo Patroni Griffi ha fatto scoppiare la pace e ha corretto anche gli ultimi commenti dubbiosi e fondati su refusi tecnici: le modifiche al progetto della cassa di colmata sono avvenute per motivi paesaggistici e non idrogeologici.

Da oggi non mi sento più solo nel sostegno al programma su queste importanti opere portuali ed è davvero un piacere avere dalla stessa parte anche il sindaco di Brindisi.

Penso e spero che attorno alla nuova vasca di colmata si chiuda il tempo morto dell’ideologia ‘no a tutto’, correndo verso tutti i programmi in grado di utilizzare gli strumenti della tecnologia ambientale per dare potenza allo sviluppo di Brindisi e della sua provincia. Sarebbe un grave delitto avvitarsi ancora in polemiche e attacchi personali, spesso eccentrici rispetto alle idee e ai fatti: e lo dico da parte lesa di questa tecnica disumana di lotta politica, auspicando per me e per tutti una perdita di memoria sulle ingiuste asprezze dialettiche usate nei mesi passati, affinché su tutti gli altri programmi importanti si proceda pensando al meglio di ciò che può e deve venire”.

Potrebbeinteressarti

Emiliano decide di seguire l’esempio di Brindisi: ordinanza anticaldo in tutta la Puglia. Intanto la procura indaga sulla morte del 27 enne al ritorno dai campi

Morire di lavoro e di caldo non è qualcosa che appartiene ai secoli scorsi: continua a succedere. I comuni come Brindisi, che hanno molti braccianti al lavoro nei campi, per la raccolta delle angurie, delle patate, dei pomodori e di tanto altro, sono intervenuti per vietare il lavoro nelle ore più calde. Ora si è mossa anche la regione con una nuova ordinanza