Politica Brindisi 

Interventi su 3,630 km di rete idrica e fognaria per le contrade della Litoranea Nord di Brindisi

Con determina n.43 del 17 giugno 2021 l’Autorità idrica pugliese ha adottato gli interventi di infrastrutturazione idrica e fognaria rappresentati dalle amministrazioni comunali, compresa quella di Brindisi.

BRINDISI - Con determina n.43 del 17 giugno 2021 l’Autorità idrica pugliese ha adottato gli interventi di infrastrutturazione idrica e fognaria rappresentati dalle amministrazioni comunali, compresa quella di Brindisi.

 

Il Comune di Brindisi aveva presentato ed ottiene interventi per 3,630 km di rete idrica e fognaria nelle strade per Betlemme, per Sbitri, per Scuole Pie e per Contardo.

 

AIP autorizza così l’Acquedotto Pugliese ad avviare la progettazione e la conseguente valutazione economica, provvedendo alle verifiche sulla fattibilità degli interventi richiesti dalle amministrazioni comunali.

 

Ringrazio il presidente dell’Autorità idrica pugliese, Toni Matarrelli, per aver accolto le istanze di Brindisi. - Dichiarano il sindaco Riccardo Rossi e il vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici, Elena Tiziana Brigante – È  un’ottima notizia per i cittadini che abitano in quelle zone e finalmente riceveranno il servizio pubblico di acqua e fogna”.

 

Potrebbeinteressarti

Green pass, limitazione prevista dalla Costituzione. Minelli: “Utile in questo momento”. COVID, progressi nelle cure

L'art.16 della Costituzione Italiana dice: "Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche. Ogni cittadino è libero di uscire dal territorio della Repubblica e di rientrarvi, salvo gli obblighi di legge".


La giunta approva la riqualificazione, Punta del Serrone candidata per il rilancio del litorale nord

Oggi, 26 luglio 2021, la giunta comunale ha approvato le delibere con le quali si definiscono i progetti di riqualificazione dei beni storici inseriti all’interno del parco naturale di Punta del Serrone, Batteria Menga e Casa dell’Ammiraglio, da candidare rispettivamente al bando del Fondo Cultura del Ministero della Cultura e all’avviso del Gal Altosalento per il ripristino di habitat naturali costieri e marini.