Politica Brindisi 

Gasdotto Tap-Snam, Amati: “Comune di Brindisi rifiuta le opere di urbanizzazione che invece i cittadini chiedono”

L’accusa di Amati: “È incredibile. Snam chiede di fare investimenti di urbanizzazione a suo carico, peraltro chiesti dai cittadini, e i comuni fanno manfrina e si rifiutano di dialogare. E in questa assurdità spicca il caso Brindisi”.

“È incredibile. Snam chiede di fare investimenti di urbanizzazione a suo carico, peraltro chiesti dai cittadini, e i comuni fanno manfrina e si rifiutano di dialogare. E in questa assurdità spicca il caso Brindisi”. Lo comunica il Presidente della Commissione regionale Bilancio e programmazione Fabiano Amati. 


“Le proprie opinioni ideologiche non possono condizionare la funzione pubblica e i relativi doveri. Un sindaco non può infliggere un danno ai suoi cittadini per coltivare i suoi personali pregiudizi, arrivando a rifiutare un dialogo con una società pubblica come Snam, che si è dichiarata disponibile a realizzare le opere di urbanizzazione in un quartiere come quello di Brindisi-Torre Rossa. 

Si preferisce tenere strade sterrate e buie, quartieri senza acqua e fogna, cioè prive di qualsiasi segno di civiltà, piuttosto che collaborare con una società pubblica che intende realizzare investimenti. E su tutto spicca, ovviamente, l’incapacità di realizzare le opere con fondi propri, la violazione di una gran quantità di leggi in materia di urbanistica, igiene e salute, e il rifiuto di assecondare un’opera come il gasdotto che, sino a prova contraria, è stato realizzato con autorizzazioni rilasciate ai sensi della legislazione vigente. 

Si pone dunque un gran problema di legalità e civiltà, che almeno sulla carta dovrebbero essere patrimonio acclarato di tutti e che, invece, pare essere dimenticato da storie politiche che a parole si richiamano alla sinistra. 

È stato davvero imbarazzante ascoltare un manager Snam confessare l’impotenza nel realizzare ciò che i cittadini chiedono; basti per questo pensare che mentre in quei quartieri le persone vivono oltre il limite della decenza e inquinando il suolo e la falda, parte della classe politica continua a marchiarli come loschi abusivi, dimenticando che gli insediamenti sono stati oggetto di un Piano di recupero approvato negli anni scorsi dalla Regione e che il Comune non riesce ad attuare”.

Potrebbeinteressarti


Brindisi scelta per il percorso di alta specializzazione di Costa Crociere

BRINDISI - Al via una nuova collaborazione tra Costa Crociere, Fondazione ITS regionale per l’Industria dell’Ospitalità e del Turismo Allargato e il Comune di Brindisi per la realizzazione di un corso ITS finalizzato al rilascio del Diploma (5° Livello EQF ai sensi del DPCM 25.01.2008) di Tecnico Superiore per la gestione di strutture turistico-ricettive e a ricoprire il ruolo di Culinary and Management Specialist on board