Economia e lavoro Brindisi 

La FP CGIL di Brindisi proclama lo stato di agitazione del personale di Sanitaservice Asl Br

FP CGIL denuncia il “silenzio” assordante da parte di sanitaservice su alcune problematiche, già affrontate nelle sedi preposte

BRINDISI - La FP CGIL di Brindisi proclama lo stato di agitazione del personale di Sanitaservice Asl Br. “Un corretto impianto di relazioni sindacali assume l’obiettivo fondamentale di contemperare l’interesse al miglioramento delle condizioni di lavoro e alla crescita professionale dei dipendenti con la necessità di elevare l’efficaciaefficienza dei servizi erogati all’utenza - spiega la segreteria territoriale - Tanto premesso la FP CGIL con nota trasmessa al Presidente della Regione Puglia, all’Assessore alla salute, al Presidente del Comitato Sepac, al Direttore Generale della ASL BR, all’Amministratore unico di Sanitaservice ha evidenziato una carenza da parte della Società Sanitaservice di atti finalizzati al raggiungimento di tale obiettivo nonché il peggioramento delle condizioni di lavoro a causa di una strategia gestionale che allontana i lavoratori dal senso di appartenenza alla propria azienda nonostante lo spirto di abnegazione sinora dimostrato dagli stessi, specialmente nell’affrontare la complessa crisi pandemica.

In particolare la FP CGIL denuncia il “silenzio” assordante da parte di sanitaservice su alcune problematiche, già affrontate nelle sedi preposte come di seguito riportate: omesso riassorbimento, attraverso la stabilizzazione, delle 60 unità con contratto part – time a 18 ore da utilizzare per “il recupero presidi 118” così come proposto dalla scrivente O.S. nell’incontro tra le Parti, avvenu- to in data 30.03.2022, alla presenza anche del Direttore Generale ASL BR;

consequenziale spropositato sovraccarico di lavoro per il personale ausi- liario che, in assenza del predetto reintegro dei Lavoratori di che trattasi, si è dovuto far carico – ob torto collo – anche del “recupero presidi del 118”;

mancata stabilizzazione , considerati i 3 posti resisi vacanti in seguito a sopraggiunte defezioni ( licenziamento, pensionamento e rinuncia al rap- porto di lavoro), in relazione al vigente business plain del 2021, dei lavo- ratori assunti a tempo determinato in qualità di personale ammini- strativo assunti come impegati d’ordine ( cat. B del B.U.R.P. n. 153 del


29.11.2018) e con successivo accordo ASL BR – Sanitaservice di cui al verbale del 15.2.2021 si prevede la complessiva assunzionestabilizza- zione di complessivi 43 Lavoratori;

- assenza di un’intesa per il giusto e dovuto riconoscimento della categoria C del vigente CCNL AIOP agli operatori CUP che lede le legittime aspet- tative degli stessi lavoratori;

- grave omessa convocazione di un tavolo negoziale, inerente la contratta- zione integrativa decentrata, per il riconoscimento dei buoni pasto a tutto il personale.

Per tutto quanto sopra evidenziato, la Funzione Pubblica CGIL di Brindisi ritiene necessario e ineludibile proclamare lo stato di agitazione di tutto il personale dipendente di Sanitaservice Asl Br, preannunciando l’avvio di una mobilitazione con iniziative pubbliche ( assemblee e manifestazioni) che vedranno coinvolte tutte le articolazioni istituzioanli regionali e territoriali.

A tal fine la FP CGIL di Brindisi ha chiesto una convocazione urgente da parte del Presidente del Comitato SEPAC della Regione Puglia allo scopo di trovare soluzioni tecniche utili al fine di scongiurare il determinarsi di una situazione conflittuale con possibili conseguenze su tutto il sistema sanitario provinciale”.

Potrebbeinteressarti