Economia e lavoro Brindisi 

A Brindisi, in occasione dell’arrivo nave MSC Armonia, apertura straordinaria dei negozi per lunedì 25 Aprile

In previsione dell’arrivo della nave MSC Armonia, lunedì 25 aprile saranno molti i commercianti del centro di Brindisi che hanno deciso di garantire l’apertura straordinaria dei loro negozi nella seguente fascia oraria

BRINDISI- In previsione dell’arrivo della nave MSC Armonia, lunedì 25 aprile saranno molti i commercianti del centro di Brindisi che hanno deciso di garantire l’apertura straordinaria dei loro negozi nella seguente fascia oraria:

mattino 10:00 – 13:00 pomeriggio 17:00 – 20:30

L’apertura dei nostri esercenti però non si limiterà ad offrire il servizio di accoglienza ai soli croceristi (l’arrivo della MSC Armonia in città è previsto per le ore 16:00) ma, volendo venire incontro anche alle esigenze dei cittadini di Brindisi ed alle sollecitazioni dei clienti abituali, le attività commerciali saranno aperte anche durante la mattinata.

Un’iniziativa accolta con entusiasmo anche da Michele Piccirillo, Presidente Provinciale Confesercenti, che ha dichiarato: “Siamo lieti che i nostri esercenti abbiano deciso di dare questo segnale, ribadendo l’impegno e la responsabilità con la quale le nostre imprese stanno affrontando la sfida del rilancio turistico della città, ma senza dimenticare i tanti clienti che durante tutto l’anno sostengono la nostra economia”.

Per affrontare anche le prossime aperture straordinarie, insieme agli Assessori Comunali al Turismo, alle Attività Produttive e ai componenti del Consiglio Direttivo del “Distretto Urbano del Commercio DUC”, nei prossimi giorni la Confesercenti vorrebbe valutare inoltre l’opportunità di promuovere al meglio le iniziative ed eventi pensati espressamente per attrarre ed accogliere tutti cittadini della nostra provincia.

Potrebbeinteressarti


Crisi dell’autotrasporto per il caro carburante: “ai box” almeno 70.000 veicoli pesanti

Secondo una prima stima stilata sulla base dell’esito delle assemblee che si stanno svolgendo in varie regioni, oggi non accenderanno il motore circa 70.000 mezzi pesanti (fra bilici e autotreni), in seguito alla decisione delle imprese di autotrasporto di non caricarsi di ulteriori oneri finanziari per l’impossibilità a far fronte da sole agli aumenti record nel costo del carburante