Economia e lavoro Brindisi 

Incontro in Prefettura sulle criticità dei settori economico-produttivo in provincia di Brindisi, alla presenza del Vice Ministro dello Sviluppo Economico Fratin. Per i Cobas un flop: “Nessun impegno a nome del governo”

Si è svolto, stamane, in Prefettura l’incontro, al quale ha presenziato il Vice Ministro dello Sviluppo Economico, Sen.Pichetto Fratin, sulle problematiche legate alla crisi occupazionale che si registra in alcuni comparti

BRINDISI - Si è svolto, stamane, in Prefettura l’incontro, al quale ha presenziato il Vice Ministro dello Sviluppo Economico, Sen.Pichetto Fratin, sulle problematiche legate alla crisi occupazionale che si registra in alcuni comparti un tempo strategici in questo territorio (energia, aerospazio, chimica), attualmente colpiti da processi di delocalizzazione e dalla decarbonizzazione.

 

La riunione  ha costituito occasione per esprimere apprezzamento per la sensibilità istituzionale manifestata dal Vice Ministro nell’essere presente in questo territorio ed, al contempo, per consentire ai referenti delle associazioni delle categorie produttive, del commercio e delle organizzazioni sindacali di rappresentare le criticità e le esigenze di rilancio e riqualificazionedella zona industriale di Brindisi e del suo porto, al fine di attrarre nuovi investimenti garantire i livelli occupazionali esistenti. 

 

Coralmente è stata espressa l’esigenza di attivare un confronto in sede di tavolo governativo a livello centrale, che possa,dialogando con tutti gli attori istituzionali e sociali,  individuare gli strumenti idonei a favorire l’auspicato processo di rilancio dell’economia locale.

 

Il Vice Ministro Pichetto Fratin ha assicurato la massima attenzione e disponibilità, nella consapevolezza che coesione e accordo territoriale, anche con il supporto del governo regionale, possano porre le basi per veicolare in maniera produttiva le potenzialità di sviluppo che il territorio può esprimere, anche grazie alle cospicue fonti di finanziamento rivenienti dal PNRR e dal CIS.


Il Sindacato Cobas esprime un giudizio fortemente negativo sull’intervento fatto nella giornata di Lunedì 21 Marzo 2022 in Prefettura a Brindisi , dopo gli interventi locali , dal Viceministro del Ministero dello sviluppo economico Gilberto Pichetto Fratin.

“Tentativo più che lodevole questo incontro organizzato dal Prefetto di Brindisi Carolina Bellantoni, andato terribilmente a vuoto secondo la nostra valutazione - afferma il Cobas Roberto Aprile - Il Viceministro ha preso atto degli interventi fatti ma non ha preso nessun tipo di impegno Governativo sui problemi che attraversano la nostra città , la nostra provincia.

Il Cobas di fronte  a questo atteggiamento elusivo propone uno sciopero generale di tutte le categorie con manifestazione a Roma davanti il Parlamento Italiano.

Solo con la lotta potremo ottenere la presa in carico complessivamente  da parte del  Governo Nazionale dei gravi problemi del nostro territorio.

Il Governo non puo' rimanere sul vago per Cerano, settore aeronautico, Chimica da spingere verso scelte verdi, porto,agricoltura, turismo, commercio .....

Abbiamo la necessità di prendere tempo attraverso speciali ammortizzatori sociali di realizzare una vera riconversione ecologica .

Dobbiamo salvaguardare i lavoratori anziani portandoli alla pensione  con idonei ammortizzatori sociali,  riqualificazione professionale per chi resta, scelte di fondo come le rinnovabili ed anche  di produrli in loco, comunità energetiche, ammortizzatori sociali per dare il tempo di riprendersi per il settore aeronatico e salvare tutti i prossimi licenziati.

Il Viceministro non si e' assunto nessun tipo di responsabilita' lasciando a bocca asciutta chi, in un modo o nell'altro, gli chiedeva impegni di possibili riunioni del Governo insieme alla Regione Puglia.

Solo la lotta puo' garantire qualche risultato al nostro territorio, è ora di muoversi.con un forte sciopero generale”. 


Potrebbeinteressarti


Crisi dell’autotrasporto per il caro carburante: “ai box” almeno 70.000 veicoli pesanti

Secondo una prima stima stilata sulla base dell’esito delle assemblee che si stanno svolgendo in varie regioni, oggi non accenderanno il motore circa 70.000 mezzi pesanti (fra bilici e autotreni), in seguito alla decisione delle imprese di autotrasporto di non caricarsi di ulteriori oneri finanziari per l’impossibilità a far fronte da sole agli aumenti record nel costo del carburante