Economia e lavoro Brindisi 

Poste Italiane, arriva la rete multicanale per i cittadini della provincia di Brindisi

Una rete fisica con 51 ATM Postamat e 50 Uffici Postali integrata con una rete digitale al servizio della comunità

BRINDISI - Poste Italiane mette a disposizione dei cittadini della provincia di Brindisi una rete fisica e digitale unica in Italia. Le due reti operano in modo perfettamente integrato e, grazie a questa preziosa doppia dimensione, Poste Italiane riesce a proporsi come ‘azienda-piattaforma per il Paese, in grado di offrire una serie di servizi e prodotti diversi secondo le necessità e fruibili da tutti i cittadini. Come rete fisica, Poste Italiane è presente nel tessuto sociale ed economico della provincia di Brindisi con 50 Uffici Postali, 6Centri di Distribuzione, 51 ATM Postamat e 112 Punto Poste, ovvero reti terze quali i tabaccai o le stazioni di servizio Eni. Questa presenza ramificata sul territorio, fa sì che oggi il 94% degli italiani si trovi a non più di 5 minuti di distanza da un punto di erogazione dei servizi di Poste Italiane.

 

Sul canale digitale, inoltre, è oggi possibile accedere ai prodotti e ai servizi di Poste Italiane in condizioni di assoluta sicurezza. Tramite il sito internet www.poste.itad esempio, i clienti registrati possono facilmente gestire il Conto BancoPosta o il Libretto di Risparmio, sottoscrivere un Buono Fruttifero On Line, richiedere un prestito o i dati per l’ISEE. È possibile inoltre richiedere la spedizione di un pacco, attivare il servizio seguimi o acquistare prodotti filatelici. Le APP di Poste Italiane, disponibili su App Store e Google Play, sono completamente gratuite e sono utilizzabili in mobilità anche da chi non è titolare di un rapporto con l’Azienda, come un vero e proprio Ufficio Postale a casa dei cittadini. Tra i servizi offerti da Poste Italiane c’è il rilascio delle identità digitali, servizio che contribuisce in maniera fattiva alla svolta digitale del Paese. In provincia di Brindisi sono state oltre 116mila le identità rilasciate.

 

In questa trasformazione digitale, Poste italiane ha inoltre deciso di accompagnare i cittadini della provincia di Brindisi, sia attraverso dei veri e propri corsi di Educazione Digitale e Finanziaria realizzati online (di cui si sono svolte quattroedizioni), sia attraverso dei videotutorial resi disponibili dal TG Poste in un’apposita playlist sul canale Youtube dell’Azienda, dove si spiega in modo facile e intuitivo come operare sulle APP di Poste Italiane. Siamo la più grande rete di distribuzione del Paese – ha ricordato recentemente l’AD Del Fante - in una fase storica nella quale tutti hanno virtualizzato i servizi noi abbiamo garantito una presenza costante e qualificata sul territorio. Soltanto le aziende che mantengono la loro presenza fisica tra le comunità possono rivestire un ruolo di primo piano nella transizione digitale dell'Italia.

Potrebbeinteressarti

Stato di agitazione degli addetti al servizio di confezionamento merce e facchinaggio presso lo stabilimento ENI-Versalis di Brindisi: nuove speranze

Nel corso della riunione odierna, è emersa la disponibilità al dialogo da parte dell’azienda sub-appaltatrice del servizio e delle Organizzazioni sindacali, al fine di garantire la positiva conclusione della procedura di cambio appalto con il completo impiego a tempo indeterminato di tutta la platea storica dei lavoratori


Gli imprenditori del nord più propensi a investire in Puglia, ma l’inefficienza della pubblica amministrazione è un freno pericoloso

Dove investire al Sud? In Puglia e in Campania per il 52% degli imprenditori del centro-nord: apprezzati sistema formativo e mentalità risorse umane Lo studio di Orbita su un campione di imprese del centro-nord: inefficienza della P.A., infrastrutture carenti e logiche clientelari i principali ostacoli che frenano gli investimenti al Sud. Luigi De Santis (presidente Orbita): “Risorse del PNRR miglioreranno P.A. e infrastrutture: logiche clientelari da condannare a tutti i livelli”

“La riduzione dei costi non sia a spese dei lavoratori”. Assemblea Sanofi, cresce la preoccupazione certezza sul futuro

Le Segreterie di FILCTEM FEMCA UILTEC, la RSU e l’intera assemblea rimarcano, quanto già dichiarato dalle segreterie nazionali nel corso dell’ultimo incontro tenuto in Confindustria con i vertici di EUROAPI, la riduzione dei costi non può e non deve prevedere ipotesi di ripercussione sui lavoratori, le pesanti perdite annunciate dall’azienda vanno contrastate con nuove strategie produttive e non si possono scaricare sui lavoratori.