Economia e lavoro Brindisi 

Autorità portuale, Amati: “Gradimento Regione su nomina Patroni Griffi attesta condivisione sui programmi”

BRINDISI - “Il gradimento espresso dalla Regione sul rinnovo dell’incarico a Ugo Patroni Griffi alla guida dell’Autorità di sistema portuale, indica la condivisione di tutte le iniziative realizzate e programmate. Spero che questo serva a spazzare via ogni polemica a uso politico e a utilizzare le migliori energie in direzione dei fatti”.

BRINDISI - “Il gradimento espresso dalla Regione sul rinnovo dell’incarico a Ugo Patroni Griffi alla guida dell’Autorità di sistema portuale, indica la condivisione di tutte le iniziative realizzate e programmate. Spero che questo serva a spazzare via ogni polemica a uso politico e a utilizzare le migliori energie in direzione dei fatti”. 


Lo dichiara il presidente della Commissione regionale bilancio e programmazione Fabiano Amati. 


“I fatti valgono sempre più delle parole. 

Negli anni passati di gestione di Patroni Griffi abbiamo assistito a consensi da Bari e dissensi da Brindisi. E mentre i consensi silenziosi di Bari si trasformavano in opere, i dissensi rumorosi di Brindisi si trasformavano in inciampi, impedimenti e sabotaggi. 

Per non farsi mancare nulla, sommando quindi confusione a confusione, a Bari il dibattito pubblico comunale sulle opere portuali coinvolgeva la Regione come ente amico e a Brindisi come ente avversario. 

Con il rinnovo dell’incarico a Patroni Griffi, arrivato con il consenso della Regione e a valere sulle opere in programma a Bari e Brindisi, si mette fine pure a qualche equivoco alimentato ad arte, per cui non potrà più essere smentito il fatto che la Regione Puglia, guidata da Michele Emiliano, approva l’operato complessivo dell’Autorità di sistema portuale, sia per competenze funzionali che per condivisione politica. E ora a lavoro”.

Potrebbeinteressarti


Emiliano decide di seguire l’esempio di Brindisi: ordinanza anticaldo in tutta la Puglia. Intanto la procura indaga sulla morte del 27 enne al ritorno dai campi

Morire di lavoro e di caldo non è qualcosa che appartiene ai secoli scorsi: continua a succedere. I comuni come Brindisi, che hanno molti braccianti al lavoro nei campi, per la raccolta delle angurie, delle patate, dei pomodori e di tanto altro, sono intervenuti per vietare il lavoro nelle ore più calde. Ora si è mossa anche la regione con una nuova ordinanza