Curiosità Brindisi 

Al Bano, l'appello agli indecisi: “Il vaccino è la salvezza dell'umanità”

Classe 1943, ugola d'oro, vaccinato. Sono i segni particolari dell'eccezionale testimonial della campagna vaccinale anticovid targata Asl Brindisi, Al Bano.

CELLINO SAN MARCO - Classe 1943, ugola d'oro, vaccinato. Sono i segni particolari dell'eccezionale testimonial della campagna vaccinale anticovid targata Asl Brindisi, Al Bano. Il Maestro ha accolto l'invito di Stefano Termite, direttore del Dipartimento di Prevenzione dell'azienda sanitaria, e si è fatto raccontare come procedono le attività di vaccinazione sul territorio. Carrisi, nelle sue tenute di Cellino San Marco, si è congratulato per il raggiungimento del 75% della copertura vaccinale della popolazione e ha lanciato un messaggio a quanti ancora non hanno aderito alla campagna, intimoriti dalla disinformazione e dalla confusione che aleggiano attorno ai vaccini. 

 

L'unica controindicazione che ho trovato – ha detto tra il serio e il faceto Al Bano – è non vaccinarsi. Il vaccino è la salvezza dell'umanità”. Con il direttore del Dipartimento Termite, il Maestro ha commentato i dati della campagna vaccinale in provincia di Brindisi, complimentandosi per il lavoro svolto e spronando ancora una volta gli indecisi. “Dai dati in possesso della Asl – commenta l'artista – ho saputo che c'è un 5% di miei coetanei che è restio a vaccinarsi; addirittura un 18% dei 50-59enni che è in ritardo col vaccino; il 10% dei 60-69enni e il 6% dei 70-79enni ancora non vaccinati. Vacciniamoci, solo così potremo salvarci”. 

 

Termite ha sottolineato con orgoglio che “la vaccinazione sta procedendo velocemente, con percentuali elevate: siamo oltre il 75% della popolazione in provincia di Brindisi coperta con la prima dose e al 63% con il ciclo completo. Abbiamo raggiunto un obiettivo importantissimo. C'è ancora molto da fare, però: dobbiamo vaccinare chi esita, in particolare il 18% dei 50-59enni che non lo ha ancora fatto. Li esortiamo a vaccinarsi quanto prima poiché con la variante Delta anche i cinquantenni rischiano molto”. 

 

Nel suo appello, Al Bano afferma che “la vita va vissuta e non bisogna farsi schiavizzare dal Covid. Dobbiamo vincere noi: l'essere umano ha sempre vinto tutte le sue battaglie e si può sconfiggere anche il maledetto Covid. Col vaccino si va lontano e torneremo a stringerci la mano. Assisteremo alla morte del Covid – conclude - perché prima o poi adda murì, come si dice a Napoli. Vacciniamoci”.

 

Potrebbeinteressarti

Un video con le voci di Ornella Muti e Lino Banfi per ringraziare “gli eroi dei nostri giorni” ideato da un medico di Cellino

Nell’era dei no vax tornare ad avere fiducia nei medici, nei sanitari in prima linea e nelle competenze è una priorità. Un medico salentino che collabora con il Ministero della Salute, il Cavaliere Fausto d’Agostino, ha deciso di unire le voci di attori molto amati dal pubblico per ricordare a tutti l’importante lavoro che ogni giorno svolgono i camici bianchi

Tuffo di Capodanno, tradizione rispettata anche nel 2022 a Brindisi

Tradizione puntualmente rispettata anche per il “TUFFO DI CAPODANNO” 2022. I riti che ormai rappresentano la gradita consuetudine del primo giorno dell’anno brindisino e culminanti nel salto in pieno inverno nelle acque del mare del Capoluogo Adriatico si sono vissuti nello scenario della Conca, sulla Litoranea Nord nonostante la riduzione dell’iniziativa ad una cerimonia piú sobria