Cultura Brindisi 

La Fondazione Nuovo Teatro Verdi di Brindisi organizza un laboratorio di scrittura creativa

L’iniziativa, dal titolo «Scrivo ergo sum», è articolata in un ciclo di sette incontri con cadenza settimanale, della durata di due ore ciascuno, secondo il seguente calendario di appuntamenti, in programma nel foyer del Teatro: 2, 9, 16, 22 e 30 novembre; 7 e 14 dicembre, tutti dalle ore 16 alle 18.

BRINDISI - La Fondazione Nuovo Teatro Verdi di Brindisi organizza un laboratorio di scrittura creativa condotto dall’autrice Luana Giacovelli. L’iniziativa, dal titolo «Scrivo ergo sum», è articolata in un ciclo di sette incontri con cadenza settimanale, della durata di due ore ciascuno, secondo il seguente calendario di appuntamenti, in programma nel foyer del Teatro: 2, 9, 16, 22 e 30 novembre7 e 14 dicembre, tutti dalle ore 16 alle 18. Le iscrizioni sono aperte dal 19 al 27 ottobre al T. 0831 229230 o all’indirizzo organizzazione@nuovoteatroverdi.com fino ad esaurimento dei posti disponibili. La quota di partecipazione ammonta per i sette incontri a € 40, con quota ridotta di € 30 per studenti under 25.

 

Il laboratorio è organizzato con il sostegno della Regione Puglia, nell’ambito del finanziamento «FSC 14-20: Patto per la Puglia. Custodiamo la Cultura In Puglia 2021 - Misure di sviluppo per lo spettacolo e le attività culturali - D.G.R. n. 1570/2020 - A.D. 499/2020». 

È dal susseguirsi di parole e accenti che nascono storie, cinema, romanzi, spettacoli, spot, canzoni, caption. Ma come si scrive un’idea? Come la si rende tanto appetibile ed efficace per il teatro o il grande schermo? Come nascono trame, personaggi e dialoghi? La tecnica è la costante nascosta dietro ogni cosa che ascoltiamo, guardiamo e viviamo. «Scrivo ergo sum» è una guida pratica sulle regole fondamentali di diverse tecniche di scrittura. L’obiettivo principale sarà apprendere i processi che sono alla base della stesura di raccontidrammaturgie teatralisceneggiature cinematografichetecniche di storytelling. Il percorso spronerà gli iscritti a sfidare il foglio bianco, a mettersi alla prova, ad assorbire qualche segreto del mestiere dello scrittore e a riscoprire il piacere della lettura stessa. I partecipanti saranno infine coinvolti nella stesura di un racconto a catena, che verrà analizzato nell’incontro conclusivo, sulle vicende legate alla demolizione del vecchio Teatro Verdi, avviata nel febbraio 1960. 

 «Scrivo ergo sum» è anzitutto recupero del valore delle parole, per una comunicazione più autentica. Sarà proposto un duplice percorso in modo che ogni partecipante possa accrescere la consapevolezza delle proprie capacità e dell’ambito di scrittura che meglio lo rappresenta. Per questo il laboratorio sarà suddiviso in due moduli: la narrativa con i generi di scrittura, i personaggi e l’ambientazione, il punto di vista e la sintassi del racconto; e poi la scrittura oltre la carta, fissata su quei processi che attengono alla costruzione del testo fino ad arrivare all’elaborato finale. Ogni incontro sarà corredato da giochi di scrittura e consigli di lettura

L’attività è rivolta a chi ama scrivere e, in particolare, ha lo scopo di affinare attraverso un editing appropriato racconti e composizioni. Attraverso l’analisi dei testi prodotti e di altri eventuali testi autoriali che potranno essere presi ad esempio, il laboratorio mirerà a fornire gli strumenti per costruire un lavoro capace di stimolare l’interesse e il coinvolgimento del lettore. Non basta avere una storia da raccontare, infatti, bisogna saperlo fare in modo originale. Gli incontri saranno il momento per condividere una riflessione su strutture e tecniche narrative, trama, linguaggio, stile, in modo che ogni testo possa raggiungere una sua ottimizzazione.

 La curatrice del laboratorio, Luana Giacovelliavrà il compito di accompagnare i partecipanti alla costruzione di un testo corretto dal punto di vista delle regole editoriali, ma soprattutto appetibile per un possibile editor che ne permetta la pubblicazione.

Potrebbeinteressarti


I bronzi di Punta del Serrone: visita e concerto

Prosegue la rassegna «Visioni», il programma di visite guidate e performative alla scoperta dei tesori della storia e dell’arte di Brindisi. Prossima tappa nel Museo Archeologico “Francesco Ribezzo” con focus sui bronzi di Punta del Serrone

Panchine poetiche al parco “Potì”. Scrivi i tuoi versi e partecipa al concorso gratuito, c’è tempo fino al 1° luglio

MESAGNE - Panchine poetiche metropolitane è un progetto dell’associazione culturale “Poesie Metropolitane”, che nasce con l’obiettivo di riqualificare quartieri, strade e luoghi attraverso interventi artistici. L’iniziativa ruota intorno alla realizzazione di contest nazionali poetici, gratuiti e aperti a tutti, che premiano poeti e scrittoriattraverso la trascrizione dei loro versi sulle panchine dei luoghi scelti.