Cronaca Calcio Fasano 

Violenze, petardi, fumogeni e disordini durante l’incontro Fasano-Nardò: in 6 nei guai (5 sono fasanesi)

A seguito dei tafferugli verificatisi al termine dell’incontro di calcio U.S.D. Città di Fasano – Nardò, tenutosi domenica 15 maggio scorso presso lo stadio V. Curlo di Fasano, nonché per l’accensione nel corso della gara di alcuni fumogeni e lo scoppio di petardi sono stati individuati 6 tifosi (5 fasanesi)

FASANO - A seguito dei tafferugli verificatisi al termine dellincontro di calcio U.S.D. Città di Fasano  Nardòtenutosi domenica 15 maggio scorso presso lo stadio V. Curlo di Fasanononché per laccensione nel corso della gara di alcuni fumogeni e lo scoppio di petardi, le immediate indagini svolte dal personale della DIGOS della Questura di Brindisi hanno consentito di indagare all’autorità Giudiziaria i primi 6 tifosi, cinque dei quali fasanesi, resisi responsabili, a vario titolo, dei reati di invasione di terrenodi gioco e utilizzo di oggetti atti ad offendere (art. 6 bis L. 13.12.89 nr. 401)

Iparticolare, grazie allattenta analisi delle riprese effettuate dal personale del locale Gabinetto Provinciale dPolizia Scientifice dai militari della Compagnia Carabinieri di Fasano, sono state ricostruite le principali condotte delittuose e sono stati individuati i primi tifosi la cui età è compresa tra 20 e i 40 anni ritenuti responsabili di dette condotte

Iconseguenza dei reati evidenziati e delle condotte pericolose tenute dai tifosi di entrambe le squadre, al termine di approfondita istruttoria svolta da personale della Divisione Polizia Anticriminedella Questura di Brindisi, il Questore Annino Gargano, ha emesso, in via durgenza, i provvedimenti cautelari del divieto di accesso nei luoghi ove si svolgono le manifestazioni sportive(DASPO) con differenti duratealcuni dei quali anche con obbligodi firma.

Due dei soggetti destinatari dellodierno DASPO, in passato erano stati gravati da analogo provvedimento scaduto qualche mese fa, sempre per aver evidenziato profili di pericolosità durante lo svolgimento di competizioni sportive.

Prosegue, incessante, l’attività di indagine tesa alla identificazione degli altri tifosi che si sono evidenziati per le condotte violente.

 

Potrebbeinteressarti