Cronaca Brindisi 

Accusato di evasione e di rapina ai danni del “Caffè Eden” di Via Appia: arrestato un 34enne

L’altro ieri (10 maggio 2022), il personale della Squadra Volanti della Questura di Brindisi, ha arrestato T.C. (classe ‘86) resosi responsabile del reato di evasione dagli arresti domiciliari e ritenuto l’autore della rapina consumata nella tarda serata di lunedì presso un esercizio commerciale brindisino

BRINDISI - L’altro ieri (10 maggio 2022), il personale della Squadra Volanti della Questura di Brindisi, ha arrestato T.C. (classe ‘86) presunto responsabile del reato di evasione dagli arresti domiciliari e ritenuto l’autore della rapina consumata nella tarda serata di lunedì presso un esercizio commerciale brindisino (“Caffè Eden” di Via Appia).

Da una prima ricostruzione dei fatti, è emerso che intorno alle 23,50 del 9 maggio un giovane, con un cappellino tipo baseball e il volto coperto da mascherina, dopo aver consumato un caffè, con un’azione fulminea, raggiungeva la barista dietro al banco e, sotto la minaccia di un coltello, si impossessava dellincasso per poi darsi alla fuga.


I poliziotti, intervenuti prontamente, riuscivano in breve tempo ricostruire la dinamica dei fattianche grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianzaGli elementi raccolti facevano concentrare da subito le ricerche verso un ragazzo già noto alle Forze dell’Ordine e detenuto agli arresti domiciliari per reati consumati negli ultimi mesi. 

Difatti, il giovane che si era allontanato dalla propria abitazione poco prima della consumazione della rapina, all’arrivo dei poliziotti, risultava assente e le sue ricerche si sono protratte per lintera notte, sino al suo rientra casa nella mattinata successiva

Alla luce dei fatti accertati e degli elementi di interesse investigativo raccolti dagli operatori della VolanteT.C. veniva arrestato in flagranza di reato per evasione dagli arresti domiciliarie indagato per rapinaDopo le formalità di rito e il sequestro del coltellorinvenuto allinterno di un giardino condominiale poco distante dal luogo dellevento, il giovane è stato associato presso la locale Casa Circondariale a disposizione dellAutorità Giudiziaria.

Potrebbeinteressarti

Intervista al professore Alessandro Repici: “Abbiamo dimostrato che l’intelligenza artificiale riduce l’incidenza dei tumori al colon e retto. Puglia a macchia di leopardo”

Il prof Alessandro Repici, direttore del Dipartimento di Gastroenterologia di Humanitas e docente di Humanitas University e Direttore Scientifico di Humanitas Istituto Clinico Catanese, insieme al prof. Cesare Hassan, ha dimostrato che con l’intelligenza artificiale si riduce il rischio di tumori al colon e al retto e si prevengono più facilmente queste gravissime patologie


Ucciso a 34 anni, era emigrato da Mesagne in Inghilterra: il corpo in un parco di Sheffield. La polizia sulle tracce di chi gli ha strappato la vita

È un mistero, per ora, la morte di un 34enne originario di Mesagne (Brindisi): il corpo senza vita, ieri mattina, è stato ritrovato in un parco di Sheffield. Sulla morte di Carlo Giannini, pizzaiolo emigrato per cercare lavoro in Inghilterra, ben integrato all’estero (pare avesse trovato anche l’amore), indagano gli investigatori anglosassoni.