Cronaca Fasano 

Controlli anticovid, fioccano le multe. Attività commerciali e aziende sanzionate

Fasano, Cisternino e Ostuni. Servizio di controllo sul rispetto della normativa anti Covid–19. Controllate 132 attività e 562 persone. Elevate 4 sanzioni amministrative

A Fasano, Cisternino e Ostuni, a conclusione degli accertamenti svolti nell’ambito di un servizio di controllo sul rispetto della normativa anti Covid-19, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Fasano, dopo aver fatto accesso in un’azienda agricola del luogo, hanno elevato la prescritta sanzione amministrativa nei confronti della moglie del titolare in quanto sprovvista di green pass. Sanzione amministrativa anche a seguito di un controllo presso la fermata di un autobus di linea urbana nei confronti di un passeggero per non aver indossato l’idoneo dispositivo di protezione delle vie respiratorie all’interno del mezzo di trasporto.


Controlli anticovid anche all’interno della Stazione di Fasano, unitamente al personale del locale Nucleo Operativo e Radiomobile, dopo avere fatto accesso in un esercizio commerciale del posto, hanno elevato nei confronti del titolare e della coniuge le previste sanzioni amministrative poiché gli stessi sono risultati sprovvisti di certificazione verde. I Carabinieri sono intervenuti anche all’interno della Stazione di Cisternino: dopo aver fatto accesso in un’attività commerciale del luogo, hanno elevato nei confronti del titolare la sanzione amministrativa per non aver effettuato la verifica del green pass nei riguardi del proprio personale.

Nel corso dell’attività, i militari hanno controllato complessivamente 562 persone e 132 attività commerciali/esercizi pubblici.

Potrebbeinteressarti


Intervista al professore Alessandro Repici: “Abbiamo dimostrato che l’intelligenza artificiale riduce l’incidenza dei tumori al colon e retto. Puglia a macchia di leopardo”

Il prof Alessandro Repici, direttore del Dipartimento di Gastroenterologia di Humanitas e docente di Humanitas University e Direttore Scientifico di Humanitas Istituto Clinico Catanese, insieme al prof. Cesare Hassan, ha dimostrato che con l’intelligenza artificiale si riduce il rischio di tumori al colon e al retto e si prevengono più facilmente queste gravissime patologie