Cronaca Brindisi 

Forze dell’ordine sulle tracce dell’imprenditore ucciso nel 2000: si cerca in un pozzo

Procedono le ricerche dei resti dell’imprenditore Salvatore Cairo, attivo nel settore dei casalinghi, in contrada Santa Lucia, vicino alla zona industriale brindisina. È stato individuato un pozzo nell’area dove fu ucciso l’uomo 36enne, nell’ormai lontano il 6 maggio del 2000.

BRINDISI - Procedono le ricerche dei resti dell’imprenditore Salvatore Cairo, attivo nel settore dei casalinghi,  in contrada Santa Lucia, vicino alla zona industriale brindisina. È stato individuato un pozzo nell’area dove fu ucciso l’uomo 36enne, nell’ormai lontano il 6 maggio del 2000. La moglie lo attendeva per pranzo, ma Cairo non arrivò mai. La macchina fu ritrovata tre giorni dopo: l’assassinio di questo imprenditore e ancora un giallo, perché non sembrava avesse nemici. Bocche cucite sull’indagine, si sa soltanto che vigili del fuoco e squadra mobile sono intenti a cercare le tracce dell’imprenditore assassinato. All’epoca quella zona era adibita a deposito di legna. Ieri è stata diffusa la notizia del sequestro dell’intera area per le ricerche che sono tuttora in corso.

Potrebbeinteressarti


Intervista al professore Alessandro Repici: “Abbiamo dimostrato che l’intelligenza artificiale riduce l’incidenza dei tumori al colon e retto. Puglia a macchia di leopardo”

Il prof Alessandro Repici, direttore del Dipartimento di Gastroenterologia di Humanitas e docente di Humanitas University e Direttore Scientifico di Humanitas Istituto Clinico Catanese, insieme al prof. Cesare Hassan, ha dimostrato che con l’intelligenza artificiale si riduce il rischio di tumori al colon e al retto e si prevengono più facilmente queste gravissime patologie