Cronaca Oria 

Ucciso per 37 euro da uno straniero: sembra risolto il giallo del madonnaro di Oria. “Volevo solo i soldi”

“Non volevo ucciderlo, volevo soltanto un po’ di soldi per mangiare” - avrebbe dichiarato il giovane migrante arrestato.

LECCE – Il madonnaro di Oria è stato ucciso. Il presunto aggressore ora ha un volto: si tratta del ventitreenne senegalese Mamadou Lamin, fermato ieri dalla polizia per avere procurato la morte dell’artista di strada. L’uomo ha ammesso di aver tentato la rapina davanti agli investigatori e al pm Giorgia Villa, durante l’interrogatorio protrattosi fino a tarda ora in questura, alla presenza del suo avvocato di fiducia, Maurizio MyAggredito per rapina e poi morto per soli 37 euro: questa sembra la dura verità. Il madonnaro Leonardo Vitale, 69enne di Oria, trovato esanime per strada con una ferita alla testa vicino la stazione di Lecce lo scorso 5 ottobre e poi morto in ospedale dopo 6 giorni di coma aveva solo quei soldi: la sua vita è stata spezzata per pochi euro.“Non volevo ucciderlo, volevo soltanto un po’ di soldi per mangiare” - avrebbe dichiarato il giovane migrante arrestato. 

Potrebbeinteressarti

Scoperto 1 kg di marijuana e armi clandestine: tre arresti e una denuncia.

I carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato un 52enne, un 43enne e un 39enne tutti di Ceglie Messapica, per coltivazione e detenzione sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e detenzione di arma clandestina e denunciato in stato di libertà una 39enne del luogo per detenzione abusiva di arma comune da sparo