Cronaca Oria 

Il mistero della morte del “madonnaro” di Oria ancora tutto da risolvere

Nella notte di venerdì 7 ottobre l’artista di strada è stato ritrovato privo di sensi nei pressi di via Don Bosco, nelle vicinanze della stazione ferroviaria, dove trascorreva le notti nonostante i guadagni potessero permettergli un pernottamento in qualche struttura ricettiva.

ORIA – Da anni era un volto noto di Lecce per le immagini sacre che disegnava per le vie del centro, dove era solito sostare pennellando icone con i colori e le sue tavolozze. Da Oria (nel brindisino), Leonardo Vitale, un artista di strada continuatore delle tradizioni popolari dei “madonnari”, si spostava in treno fino al capoluogo salentino dove ormai era di casa. Le immagini sacre dipinte sull’asfalto col gesso sono immancabili soprattutto nelle feste patronali. L’uomo per lo più in via Trinchese in prossimità del Teatro Apollo. Nella notte di venerdì 7 ottobre l’artista di strada è stato ritrovato privo di sensi nei pressi di via Don Bosco, nelle vicinanze della stazione ferroviaria, dove avrebbe dovuto prendere il treno per tornare a Oria. 

Ieri, 11 ottobre, l’uomo è morto dopo una caduta che gli ha causato un trauma cranico. La magistratura si è attivata in seguito a una denuncia a carico di ignoti del figlio per rapina. L’uomo aveva già subito il furto dei suoi attrezzi del mestiere e ora non si trova il cellulare. 


Potrebbeinteressarti

Scoperto 1 kg di marijuana e armi clandestine: tre arresti e una denuncia.

I carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato un 52enne, un 43enne e un 39enne tutti di Ceglie Messapica, per coltivazione e detenzione sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e detenzione di arma clandestina e denunciato in stato di libertà una 39enne del luogo per detenzione abusiva di arma comune da sparo