Politica Brindisi 

Antonucci: “È inaccettabile l’eliminazione del servizio 118 per Casale e Paradiso. Rossi lo ripristini con urgenza per non far vivere in ansia i cittadini”

I residenti lanciano l’allarme: “La postazione del servizio 118 sita al rione Casale, è stata dismessa e le ambulanze trasferite all’ex Ospedale di Summa”

BRINDISI - Livia Antonucci,  coordinatrice cittadina FI Brindisi, interviene sulla questione 118: ”Numerosi abitanti dei rioni Casale e Paradiso ci hanno segnalato una situazione davvero preoccupante. La postazione del servizio 118 sita al rione Casale, è stata dismessa e le ambulanze trasferite all’ex Ospedale di Summa. Questa situazione desta non poche preoccupazioni agli abitanti ai quali Rossi, revocando la convenzione dei locali e non trovando nuova allocazione, di fatto ha scippato un servizio ‘salvavita’ che riusciva a coprire un vasto territorio oltre al Casale e al Paradiso. Pensiamo al rione Materdomini, la contrada Betlemme, Apani ecc.ecc. 
Una superficialità, quella di Rossi e della sua Giunta, che lascia basiti se consideriamo l’importanza che assume la tempestività di intervento e la velocità di trasporto eventuale presso una struttura ospedaliera. Tempestività e velocità indispensabili, considerato che le ambulanze, ahinoi, viaggiano senza figure mediche. 
Si può soprassedere sull’eliminazione di altri servizi meno importanti, ma sulla possibilità di salvare la vita ai propri cittadini, un Sindaco dovrebbe intervenire senza ‘se’ e senza ma”. 

Potrebbeinteressarti

Infrastrutture portuali, attacco a Rossi, D’Attis: “Scopra le carte”

“A Brindisi è giunta l’ora di scoprire le carte e di contarsi ed è arrivato il momento che il Sindaco Rossi dica da che parte sta: se sta dalla parte di chi, come noi, lavora per il potenziamento delle infrastrutture portuali, oppure se ha abbracciato la causa di chi vorrebbe frenarne lo sviluppo”. Così il commissario regionale di Forza Italia, l’on Mauro D’Attis.