Arte e archeologia Brindisi 

“Antichi popoli di Puglia al Castello Svevo

Un viaggio nel tempo attraverso l’archeologia della Puglia. Una storia di oggetti che raccontano popoli, narrandone incontri, scambi e scontri

Un viaggio nel tempo attraverso l’archeologia della Puglia.

Una storia di oggetti che raccontano popoli, narrandone incontri, scambi e scontri sullo sfondo di un territorio unico.

Oltre seicento reperti, molti dei quali normalmente non esposti al pubblico, distribuiti lungo una linea del tempo che dall’VIII secolo a.C. giunge fino all’epoca dell’imperatore Augusto.

È questo il messaggio di “Antichi Popoli di Puglia. L’archeologia racconta”, a cura di Massimo Osanna e Luca Mercuri, la grande mostra che sarà fruibile al Castello Svevo di Bari, a partire dal prossimo 5 dicembre 2022, tra i numerosi eventi cittadini della notte di San Nicola dei Baresi, e fino al 31 marzo 2023 al normale costo del biglietto di accesso al Castello.

Lunedì 21 novembre è stata offerta una preview al mondo giornalistico, istituzionale e accademico, occasione per lanciare la campagna di comunicazione L'esposizione,prodotta interamente dal Ministero della Cultura e, in

 

 particolare, dalla Direzione Generale Musei, che ne è ideatrice, e dalla Direzione Regionale Musei Puglia, offrirà al pubblico un allestimento scenografico fra videoinstallazioni e opere provenienti dai musei della Direzione Regionale Musei Puglia, ma anche della Direzione Regionale Musei Basilicata, dal Museo Archeologico Nazionale di Taranto, da musei civici e regionali e dai depositi delle Soprintendenze, consentendo, in questo modo, anche a reperti solitamente non esposti di vedere la luce.

«La consapevolezza che su questo territorio insista un così ricco patrimonio archeologico è il punto di partenza da cui nasce l’ambizioso progetto espositivo di Antichi Popoli di Puglia, che riunisce in un solo percorso i contesti e le opere più significative dell’archeologia pugliese - commenta il Direttore Generale Musei, Prof. Massimo Osanna - L’allestimento diventa altresì occasione per evidenziare, anche con la presenza di opere usualmente non esposte, la pluralità di culture avvicendatesi nel territorio, attraverso una narrazione che ne valorizza i caratteri peculiari».

«Il ricco e variegato patrimonio archeologico della Puglia ha suggerito le linee tematiche della mostra, che ha trovato terreno fertile in tutti i Musei, le Soprintendenze e le altre istituzioni locali coinvolte in questa operazione ambiziosa - commenta il Direttore Regionale Musei Puglia, dott. Luca Mercuri – L’esposizione nasce come opportunità per valorizzare le collezioni dei luoghi della cultura del territorio ed è stata allestita nel Castello Svevo di Bari, cuore pulsante della città e monumento tra i più noti e visitati dell’intera Regione, con numeri in straordinaria crescita. Ringrazio il Direttore Generale Musei, prof. Massimo Osanna, che ha ideato questo progetto cui abbiamo collaborato con grande entusiasmo, per una nuova valorizzazione dei beni culturali di questo territorio».

Potrebbeinteressarti


Due sculture di Cosimo Carlucci per la Pinacoteca comunale “S. Cavallo”

La Pinacoteca comunale “S. Cavallo” ha accolto due pezzi che arricchiranno, ulteriormente, il patrimonio artistico presente, già in fase di rinnovamento: si tratta di un’opera scultorea di Cosimo Carlucci (San Michele Salentino 1919 – Roma 1987), “Testa di Filosofo”, in gesso patinato, donata da Mons. Paolo Miccoli insignito, nel 2014, dell’onorificenza di “Cappellano di Sua Santità”, già professore ordinario di Filosofia alla Pontificia Università Urbaniana di Roma