Economia e lavoro 

DPP al Pug di Brindisi, Amati: “Giunta comunale tratta il Porto come approdo per pesca amatoriale. C’è bisogno di grandi opere

Nuovo attacco di Fabiano Amati rivolto all’amministrazione Rossi, per il consigliere regionale il Porto viene trascurato: “Ci vogliono grandi opere”

BRINDISI - “La Giunta comunale di Brindisi tratta il suo porto come se fosse un approdo per la pesca amatoriale e non come un’immensa infrastruttura di produzione di servizi. E tutto ciò è dimostrato nelle pretese contenute nel Documento Programmatico Preliminare al PUG. Per fortuna sono quasi certo che non se ne farà nulla, sia perché il PD ostacolerà tali previsioni, sia perché le pretese ideologiche fuori dalla realtà non hanno mai le gambe per camminare”. 


Lo dichiara il Presidente della Commissione regionale Bilancio e Programmazione Fabiano Amati. 


“Il DPP dice ciò che non è: che abbiamo grandi fondali per accogliere tutti i traffici più proiettati nella modernità. 

Abbiamo invece bisogno di realizzare grandi opere portuali, comprese quelle per aumentare la profondità dei fondali, proprio per candidare il porto di Brindisi nel mondo del gigantismo navale; fuori da questa ipotesi il mondo dei commerci e dei traffici ci considererà inospitali e non verrà mai a trovarci. 

Per parte mia combatterò una battaglia politica senza sconti per dare a Brindisi ciò che merita e per evitare che un’opinione politica possa imporsi di nascosto: esprimere cioè la contrarietà alle grandi opere di ammodernamento portuale attraverso un documento di pianificazione che disegna un mondo che non c’è”.

Potrebbeinteressarti

Emiliano decide di seguire l’esempio di Brindisi: ordinanza anticaldo in tutta la Puglia. Intanto la procura indaga sulla morte del 27 enne al ritorno dai campi

Morire di lavoro e di caldo non è qualcosa che appartiene ai secoli scorsi: continua a succedere. I comuni come Brindisi, che hanno molti braccianti al lavoro nei campi, per la raccolta delle angurie, delle patate, dei pomodori e di tanto altro, sono intervenuti per vietare il lavoro nelle ore più calde. Ora si è mossa anche la regione con una nuova ordinanza