Ambiente Brindisi 

CSV di Brindisi: “Ci Vuole un noi per… la tutela del territorio”, il camminamento sulle Vie del Sale

Il 10 ottobre, un itinerario ad alta suggestione per l’evento del Centro Servizi “Ci Vuole un noi per… la tutela del territorio”: sostenibilità ambientale, tutela del paesaggio, cultura e tradizioni, turismo sostenibile ed esperienziale

Il 10 ottobre, un itinerario ad alta suggestione per l’evento del Centro Servizi “Ci Vuole un noi per… la tutela del territorio”:                 sostenibilità ambientale, tutela del paesaggio, cultura e tradizioni, turismo sostenibile ed esperienziale


“Ci Vuole un noi per… la tutela del territorio” è il camminamento sulle Vie del Sale, nel Comune di Corsano (Le) che il CSV BR LE Volontariato nel Salento propone per il 10 ottobre; un percorso naturalistico, un viaggio ad alto tasso di suggestione tra mare e terra con scorci panoramici inattesi che lasceranno ai visitatori un messaggio essenziale: la tutela del paesaggio passa da un’azione collettiva consapevole e condivisa. Il percorso rientra nelle attività ‘preparatorie’ al Festival del Volontariato del CSV Strade Volontarie – Ci vuole un NOI …. 2021, che culminerà nei primi giorni del mese di dicembre e in questa edizione è dedicato alle azioni di comunità come motore di progresso civile.

Lo scopo della giornata del 10 – spiega Luigi Conte Presidente del CSV BR LE Volontariato nel Salento -è un’escursione in una porzione di territorio rientrante nel Parco Naturale Regionale ‘Costa Otranto S.M. di Leuca – Bosco di Tricase’, manutenuta, protetta da un’azione congiunta di cittadini attivi. L’amore per il proprio territorio è un valore non più negoziabile su cui sensibilizzare i territori di riferimento”.

E di tutto ciò lo snodo delle Vie del Sale rappresenta un modello da replicare: dal punto di partenza quale la zona ‘Pozze’ adottata dalla Pro Loco alla Chiesetta di Santa Maura custodita dal comitato feste della parrocchia, per giungere al boschetto 'nzepe curato dall’Ente Parco e dalle associazioni che con esso collaborano, sino a Torre Specchia Grande, bene del Comune di Corsano gestito dalle associazioni Salento Verticale ed EDENO.

Le vie del Sale sono – conclude Contela storia di un territorio, uno scrigno di ecosistemi delicati, uno scorcio sulla bellezza che la comunità nelle sue varie espressioni associative ha deciso di adottare e custodire e che il CSV BRL LE Volontariato nel Salento vuole promuovere come modello

L’evento è promosso dal CSV BR LE Volontariato nel Salento nell’ambito di Strade Volontarie Festival del Volontariato.

Partner: associazione EDENO Culture & Avventure, con il patrocinio di : provincia di Lecce. Salento d’Amare, Regione Puglia. CSV Net, con il sostegno di BCC Credito Cooperativo Leverano

Goals 3 e 15 dell’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile 

PROGRAMMA

Ore 10.00 ritrovo a Corsano in zona pozze - parcheggio delle scuole dell'infanzia   

Ore 10.15 partenza

Ore 10.30 sosta alla cappella di Santa Maura 

Ore 11.00 sosta al boschetto 'Nzepe 

Ore 11.30 sosta a Torre Specchia Grande 

Ore 12.00 ritorno al punto di partenza

 

Il percorso è facile si consigliano abbigliamento e calzature               comode. Max 25 partecipanti su prenotazione : promozione@csvbrindisilecce.it / 392.9084187-392.9818705

 

In caso di allerta meteo l'evento verrà rimandato.

Potrebbeinteressarti

Carta europea per il turismo: Torre Guaceto supera la verifica

BRINDISI - Si è svolta in questi giorni la verifica degli standard ottenuti dalla riserva di Torre Guaceto nell’ambito delle azioni previste dalla Carta europea per il turismo sostenibile. Il controllo del quinquennio eseguito da Europarc è stato superato. Ora si pensa alla fase due della CETS: la certificazione delle strutture ricettive.


Xylella, tra gli esperti la Regione Puglia nomina Alessandra Miccoli, distintasi per essere una tenace oppositrice del taglio degli ulivi malati. Proteste bipartisan

Amati: “La nuova esperta sulla fitopatologia della Xylella, peraltro laureata in lettere, è stata protagonista di numerose proteste, a Torchiarolo e nella provincia di Brindisi, contestando tutti i piani di contenimento che, realizzati per tempo, avrebbero salvato la Puglia dalla distruzione prima e dall’avanzare del batterio poi”