Ambiente Brindisi 

Preoccupazione per le sfiammate della torcia di Versalis. Rossi: “Pensare a riconversione ecologica”

La sfiammate della torcia di Versalis avvenuta ieri, visibile da Lendinuso alle marine di Carovigno, ha destato grande preoccupazione ed allarme nella popolazione.

Il sindaco Riccardo Rossi non è più disposto a tollerare altri problemi, per lui si è superato il limite: “La sfiammate della torcia di Versalis avvenuta ieri, visibile da Lendinuso alle marine di Carovigno, ha destato grande preoccupazione ed allarme nella popolazione. Levento era stato preceduto nei mesi scorsi da accensioni relative alle manutenzioni straordinarie che, a nostro avviso, sono state comunque troppo frequenti.

 

Le spiegazioni e le motivazioni delle singole accensioni non sono esaustive e non risolvono il problema che resta, da anni, lo stesso. La questione ha una natura ambientale e sanitaria, come segnalato da Arpa ed Ispra, con i conseguenti valori rilevati per il benzene ma anche di immagine per la città.

 

Brindisi ha un grande potenziale turistico attrattivo che non può essere mortificato e sminuito, agli occhi dei tanti visitatori presenti in città e nel territorio, da eventi come quello registrato questa notte.

 

Si pone il tema ineludibile della conversione ecologica degli impianti. Per questo inviamo una richiesta di incontro urgente al ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani e al ministro per lo Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti.

 

Il governo giustamente si occupa di Taranto e delle necessarie conversioni ma non può trascurare una città come Brindisi. Il Green New Deal deve essere la rotta da seguire anche nel nostro territorio. Il passaggio dalla chimica degli idrocarburi alla chimica verde e le necessarie bonifiche dovranno essere oggetto di discussione con il governo e con lazienda del gruppo Eni.

 

Su questo tavolo di confronto saranno anche portati i risultati dei rilievi che arriveranno da Arpa nei prossimi giorni, lo dichiara il sindaco di Brindisi Riccardo Rossi.

Potrebbeinteressarti

Carta europea per il turismo: Torre Guaceto supera la verifica

BRINDISI - Si è svolta in questi giorni la verifica degli standard ottenuti dalla riserva di Torre Guaceto nell’ambito delle azioni previste dalla Carta europea per il turismo sostenibile. Il controllo del quinquennio eseguito da Europarc è stato superato. Ora si pensa alla fase due della CETS: la certificazione delle strutture ricettive.


Xylella, tra gli esperti la Regione Puglia nomina Alessandra Miccoli, distintasi per essere una tenace oppositrice del taglio degli ulivi malati. Proteste bipartisan

Amati: “La nuova esperta sulla fitopatologia della Xylella, peraltro laureata in lettere, è stata protagonista di numerose proteste, a Torchiarolo e nella provincia di Brindisi, contestando tutti i piani di contenimento che, realizzati per tempo, avrebbero salvato la Puglia dalla distruzione prima e dall’avanzare del batterio poi”