Ambiente Brindisi 

Emergenza incendi rientrata sulla litoranea nord di Brindisi e sul lato del mare in località Acque Chiare: a caccia dei responsabili

Dalle ore 15 di ieri, si sono verificati tre incendi sulla litoranea nord, ora domati, e sul lato del mare in località Acque Chiare, sui quali hanno lavorato i Vigili del Fuoco in condizioni difficili a causa del vento e delle altissime temperature.

BRINDISI - Dalle ore 15 di ieri, si sono verificati tre incendi sulla litoranea nord di Brindisi e sul lato del mare in località Acque Chiare, sui quali sono intervenuti i Vigili del Fuoco in condizioni difficili a causa del vento e delle altissime temperature. Sul posto erano presenti anche gli agenti della Polizia locale, della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza per la gestione della viabilità e della sicurezza. È stata interdetta la viabilità sulla litoranea tra località Sbitri e l'area ex pista di motocross. Via Maestri del Lavoro (conosciuta come strada IAM) è percorribile. Dopo diverse ore l’emergenza è rientrata.

“Lo stato di allerta incendi riguarda tutta la Puglia e fare fronte con i mezzi più avanzati per coprire tutti i focolai non è semplice, a maggior ragione ringrazio i Vigili del Fuoco di Brindisi per lo sforzo notevole compiuto ieri - spiega il sindaco Riccardo Rossi - 

Il comando è riuscito ad impiegare 5 squadre, tutte quelle disponibili ed hanno lavorato in condizioni davvero difficili. Inoltre ringrazio la Polizia di Stato, la Guardia di Finanza, i Carabinieri, la Polizia locale impegnata con 3 pattuglie per la gestione del traffico e il gruppo di volontari della Protezione civile del Comune di Brindisi che si è messo a disposizione per la sicurezza della nostra comunità”. Adesso si cercano i responsabili di questa devastazione. Già ieri il sindaco ha promesso che una volta rientrata l’emergenza le istituzioni si sarebbero concentrate sulle responsabilità. 


Potrebbeinteressarti

Carta europea per il turismo: Torre Guaceto supera la verifica

BRINDISI - Si è svolta in questi giorni la verifica degli standard ottenuti dalla riserva di Torre Guaceto nell’ambito delle azioni previste dalla Carta europea per il turismo sostenibile. Il controllo del quinquennio eseguito da Europarc è stato superato. Ora si pensa alla fase due della CETS: la certificazione delle strutture ricettive.


Xylella, tra gli esperti la Regione Puglia nomina Alessandra Miccoli, distintasi per essere una tenace oppositrice del taglio degli ulivi malati. Proteste bipartisan

Amati: “La nuova esperta sulla fitopatologia della Xylella, peraltro laureata in lettere, è stata protagonista di numerose proteste, a Torchiarolo e nella provincia di Brindisi, contestando tutti i piani di contenimento che, realizzati per tempo, avrebbero salvato la Puglia dalla distruzione prima e dall’avanzare del batterio poi”