Ambiente Brindisi 

Tap, Amati: “Multinazionali vendono regolarmente 20milioni metri cubi gas al giorno e sindaci rinunciano a investimenti”

“È oramai tutto chiaro. Le multinazionali Tap e Snam vendono 20milioni di metri cubi di gas al giorno attraverso il gasdotto e la maggior parte dei sindaci, per paura di prendere posizione, non si presentano agli appuntamenti finalizzati a ottenere gli investimenti sui territori. E mentre tutto ciò accade, Tap e Snam ringraziano per il regalo“

“È oramai tutto chiaro. Le multinazionali Tap e Snam vendono 20milioni di metri cubi di gas al giorno attraverso il gasdotto e la maggior parte dei sindaci, per paura di prendere posizione, non si presentano agli appuntamenti finalizzati a ottenere gli investimenti sui territori. E mentre tutto ciò accade, Tap e Snam ringraziano per il regalo. Confido in una presa di posizione del Presidente Emiliano, per pretendere da Tap e Snam ciò che la maggior parte dei sindaci vuole di fatto rifiutare”. Lo dichiara il Presidente della Commissione regionale Bilancio Fabiano Amati. 


“Non c’è molto da girarci attorno: uno stato di soggezione culturale nei confronti di pochi cittadini rumorosamente contrari, ci sta costringendo a perdere forse 50milioni di investimenti in opere. Si ha come l’impressione che gli esercenti di funzioni pubbliche, che sulla carta dovrebbero essere interessati a negoziare investimenti sempre più corposi, si siano messi a difendere i risparmi di bilancio di Tap e Snam. Certo, chissà quante parole saranno usate per accreditare un punto di vista auto-assolutorio, innestato su investimenti, risarcimenti, processi penali e chi più ne ha ne metta, senza cogliere però la potenza di un dato di fatto: ad oggi Tap e Snam hanno distribuito 2 miliardi di metri cubi di gas e continuano a farlo nelle proporzioni di 18-20 milioni di metri cubi al giorno, per cui non hanno alcun interesse a realizzare investimenti peraltro contrastati dalla maggior parte dei sindaci. 

Spero tanto che il Governo nazionale o il Governo regionale si occupino della questione, interpretando il ruolo della ragionevolezza, affinché nemmeno un euro vada perduto nell’inseguimento di teorie non fondate sulla serietà e sull’equilibrio”.

Potrebbeinteressarti

Xylella, tra gli esperti la Regione Puglia nomina Alessandra Miccoli, distintasi per essere una tenace oppositrice del taglio degli ulivi malati. Proteste bipartisan

Amati: “La nuova esperta sulla fitopatologia della Xylella, peraltro laureata in lettere, è stata protagonista di numerose proteste, a Torchiarolo e nella provincia di Brindisi, contestando tutti i piani di contenimento che, realizzati per tempo, avrebbero salvato la Puglia dalla distruzione prima e dall’avanzare del batterio poi”