Ambiente Brindisi 

Centinaia di multe per l’abbandono dei rifiuti a Brindisi: la guerra ai furbi continua

BRINDISI - Il giro di vite continua dopo che il 15 maggio sono state installate alcune ecoisole in aree fuori dal centro cittadino, soggette ad abbandono di rifiuti. Le aree delle ecoisole ma anche altri punti di grande abbandono come il Bosco del Compare, sono monitorate dalle fototrappole.

BRINDISI - Il giro di vite continua dopo che il 15 maggio sono state installate alcune ecoisole in aree fuori dal centro cittadino, soggette ad abbandono di rifiuti. Le aree delle ecoisole ma anche altri punti di grande abbandono come il Bosco del Compare, sono monitorate dalle fototrappole.  In questi mesi i trasgressori sono stati individuati e sanzionati dalla Polizia provinciale grazie all'accordo con il Comune di Brindisi, con l'applicazione del reato ambientale per un valore di 600 euro. 

Solo nella ecoisola di San Vito Scalo le sanzioni sono 93. Nella prima foto, dietro la montagna di rifiuti ci sono i cassonetti dell'ecoisola, è una vergogna! Questa quantità di sanzioni non è un risultato di cui siamo orgogliosi anche perché le ecoisole permetterebbero ai cittadini di smaltire i rifiuti in maniera differenziata. Invece chi aveva la cattiva abitudine di abbandonare i rifiuti proprio in quelle aree, continua a farlo senza considerare i contenitori predisposti ad hoc. 


Ci auguriamo che questa prima fase punitiva porti ad un cambiamento di abitudini. Non possiamo più permettere di essere divisi tra cittadini civili e incivili. I danni li paghiamo tutti ed è per questo che continueremo ad operare su più livelli per contrastare questi reati ambientali”. 

Potrebbeinteressarti

Xylella, tra gli esperti la Regione Puglia nomina Alessandra Miccoli, distintasi per essere una tenace oppositrice del taglio degli ulivi malati. Proteste bipartisan

Amati: “La nuova esperta sulla fitopatologia della Xylella, peraltro laureata in lettere, è stata protagonista di numerose proteste, a Torchiarolo e nella provincia di Brindisi, contestando tutti i piani di contenimento che, realizzati per tempo, avrebbero salvato la Puglia dalla distruzione prima e dall’avanzare del batterio poi”