Ambiente 

I responsabili Versalis replicano al sindaco: “Emissioni nei limiti di legge”

BRINDISI -  I responsabili dell'impianto Versalis (Eni) non riescono a giustificare i motivi  della sospensione e ritengono le dichiarazioni del sindaco Riccardo Rossi infondate. La societ&a...

BRINDISI -  I responsabili dell'impianto Versalis (Eni) non riescono a giustificare i motivi  della sospensione e ritengono le dichiarazioni del sindaco Riccardo Rossi infondate. La società conferma l’estraneità del proprio operato agli eventi contestati dall’ordinanza del Sindaco. "Da una prima analisi del report preliminare ARPA, non emergono superamenti dei limiti di legge e non risulta una correlazione tra i fenomeni odorigeni e le attività di Versalis - chiariscono - Ribadendo che la salute pubblica costituisce da sempre un valore fondamentale per l’azienda, Versalis auspica che sia consentita l’immediata ripresa dell’attività industriale e, nel solco dei rapporti di collaborazione costruttiva che negli anni si sono creati con le autorità competenti, ritiene coerente e necessario il contestuale avvio di un confronto tecnico con gli enti preposti al fine di rappresentare la correttezza delle proprie attività. Nell’ipotesi del protrarsi, immotivato, del fermo degli impianti, la società metterà in atto tutte le azioni necessarie a tutela dello stabilimento industriale e delle persone che vi lavorano".

Potrebbeinteressarti


Rigenerazione sostenibile, appello a 20 sindaci dei Comuni brindisini: progetto di riforestazione per ridare verde e bellezza al Salento

Dopo il ciclo di incontri con i sindaci dei Comuni del Leccese e del Tarantino, il Distretto Agroalimentare Jonico Salentino (DAJS) è pronto a sensibilizzare tutte le amministrazioni locali del Brindisino sul Piano di Rigenerazione sostenibile e sul progetto di riforestazione, per ridare verde e bellezza al Salento ferito da Xylella fastidiosa