Rigenerazione olivicola, Cia Salento: “Troppe aziende sono state escluse”

martedì 19 gennaio 2021

LECCE - "Rigenerazione olivicola, CIA Agricoltori Italiani del Salento esprime preoccupazione per tutte le aziende agricole che non hanno ottenuto immediato finanziamento”. È stato pubblicato, infatti, l'elenco delle aziende inserite nell'unico programma di distretto finanziato dal Piano di rigenerazione olivicola per rinverdire il territorio salentino, ma l'associazione degli agricoltori non comprende le motivazioni che abbiano portato alla selezione operata dal Distretto agroalimentare di qualità jonico-salentino di quelle aziende soltanto. Tale elenco, infatti, non contempla tutte le imprese che hanno presentato domanda, ma soltanto alcune.

"Questa disparità di trattamento - dice Benedetto Accogli, presidente Cia Salento - non può favorire l'agognata rigenerazione del territorio salentino, in quanto molte aziende ne sono rimaste escluse. Un trattamento di cui non si conoscono i criteri e le motivazioni oggettive, in quanto l'avviso pubblicato dal Dajs non indicava precisi criteri di inserimento in un programma. In base a quale metodologia sono stati redatti i tre programmi nei quali sono confluite alcune aziende che otterranno il finanziamento ed altre, invece, resteranno escluse? Malgrado gli sforzi nel darci delle risposte si chiedono chiarimenti al Presidente del Distretto e alla struttura tecnica che ha redatto i programmi. Cia crede fortemente nel Distretto, come strumento di tutela e sviluppo del territorio, tuttavia potrebbe ricredersi nell'esprimere fiducia al Presidente alla luce di quanto accaduto".

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
01/03/2021
Il Sindacato Cobas dichiara lo stato di agitazione delle ...
Economia e lavoro
21/02/2021
“Per il trasporto aereo è stato un periodo ...
Economia e lavoro
16/02/2021
Dalla Regione giunge una buona notizia per alcuni operatori ...
Economia e lavoro
03/02/2021
Nell’arco dell’anno 2020 il Dipartimento ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...