Nasce la Federazione imprese demaniali a sostegno dei balneari

venerdì 1 gennaio 2021

Nasce a Lecce la Federazione Imprese Demaniali, in persona del suo Presidente Mauro Della Valle, che interviene a sostegno delle imprese balneari leccesi. Si inaugura con il deposito al TAR di Lecce delle prime memorie difensive a supporto delle 3 Aziende Associate che hanno avuto la sospensiva della determina dirigenziale. E’il primo atto a tutela delle Imprese demaniali marittime della Neo Associazione che allarga la Sua base associativa con numerose aziende che svolgono la propria attività sul demanio marittimo. In questi anni con l’Ufficio Tecnico Legale abbiamo affrontato problematiche che interessavano non solo imprese balneari ma anche forti criticità di semplici e piccole imprese demaniali marittime, come ristoranti, attività di somministrazione di ricci di Mare, specchi acquei per noleggio imbarcazioni, darsene, abbandonate al proprio destino e senza alcuna guida specifica e sopratutto professionale. In particolare, la Federazione Imprese Demaniali, che ha inglobato Federbalneari Salento e Puglia, difesa dagli avvocati Federico Massa e Francesco G. Romano, ha deciso di intervenire “ad adiuvandum” nei tre ricorsi proposti da tre stabilimenti balneari leccesi – difesi dall’avvocato Leonardo Maruotti e associati di Federazione Imprese Demaniali – nel giudizio avverso i provvedimenti del Comune di Lecce che non ha voluto riconoscere l’estensione della durata delle concessioni demaniali in scadenza al 31.12.2020.

La decisione di intervenire contro la scelta dell’amministrazione di non applicare la legge nazionale determina che tutti gli imprenditori balneari – situati nel litorale leccese – vivono nell’incertezza più assoluta del proprio futuro, non potendo programmare alcun attività né potendo effettuare alcun investimento per migliorare la qualità dei servizi, da un lato, perché non sanno se e per quanto altro tempo potranno continuare a svolgere la propria attività e, dall’altro, perché – anche ove qualche concessionario temerario lo volesse fare – gli istituti di credito non presterebbero risorse a chi non ha alcun titolo. Inoltre, la scelta del Comune rischia di esporre i titolari degli stabilimenti balneari a ripercussioni sotto il profilo penale. Anche per questo, la Federazione Imprese Demaniali interverrà fattivamente nel giudizio con gli avvocati Federico Massa e Francesco G. Romano, confidando che il Tar Lecce possa riconoscere le ragioni dei tre stabilimenti balneari, difesi dall’avvocato Leonardo Maruotti, che hanno già ottenuto tre pronunce cautelari favorevoli, tirando così un respiro di sollievo e guardando con fiducia al futuro ed alla prossima stagione balneare 2021.

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
19/01/2021
“Il problema degli OSS assunti a tempo determinato ...
Economia e lavoro
19/01/2021
LECCE - "Rigenerazione olivicola, CIA Agricoltori ...
Economia e lavoro
14/01/2021
“Il porto di Brindisi è centrale per lo ...
Economia e lavoro
10/01/2021
BRINDISI -Continuano gli interventi e le polemiche sulla ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...