Il futuro incerto della scuola al tempo del covid, via alla didattica a distanza al 75%

lunedì 26 ottobre 2020

Il futuro della scuola è inscindibilmente legato alla curva epidemiologica: dobbiamo sperare che decresca per tornare a qualcosa di simile alla normalità. Il presidente della Regione Puglia, dopo il DPCM del premier Conte, ha emanato l’ordinanza num. 399, “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”, che dispone: 'Ferma restando la sospensione delle attività didattiche in presenza in tutte le scuole secondarie di secondo grado, limitatamente alle ultime tre classi del medesimo ciclo scolastico, per il giorno lunedì 26 ottobre 2020, con decorrenza dal 27 ottobre e fino al 24 novembre 2020, le Istituzioni Scolastiche devono adottare, con il ricorso alle misure di flessibilità organizzativa di cui agli articoli 4 e 5 del D.P.R. n. 275/1999, per una quota non inferiore al 75%, la didattica digitale integrata in tutte le classi del ciclo della scuola secondaria di secondo grado, in modalità alternata alla didattica in presenza, modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani, e disponendo che l’ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9,00.

Ancora una volta, tra problemi tecnici e le difficoltà di chi non ha connessione, le cose saranno difficili, inoltre giudicare la reale preparazione degli alunni sarà impresa ardua. Le Istituzioni Scolastiche, nella loro autonomia, in attuazione e nei limiti di quanto previsto al precedente punto 1), individueranno per la restante quota in presenza, le misure che riterranno più idonee per l’utilizzo dei laboratori didattici ed altre attività in presenza o anche per l’attività in presenza di classi iniziali e terminali, nonché per l’attività di alunni con bisogni educativi speciali. Sono salve, per ora, le classi primarie e le secondarie non di secondo grado. La scuola serve a crescere e a diventare cittadini migliori, chi ne è consapevole resta col fiato sospeso mentre la curva epidemiologica cresce: non ci sarà didattica a distanza in grado di sostituire la concretezza e l'efficacia della presenza (i genitori lo sanno). 

Altri articoli di "Scuola"
Scuola
22/11/2020
BRINDISI/SAN PIETRO VERNOTICO - Ancora brutte notizie per ...
Scuola
19/11/2020
I bambini delle scuole elementari e medie della Puglia ...
Scuola
07/11/2020
PUGLIA - Alla fine Emiliano ha dovuto cedere e adeguarsi al ...
Scuola
05/11/2020
BRINDISI La deputata brindisina Macina spiega che il ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...