Taglio ai collegamenti aerei, Salento sempre più ai margini. L’interrogazione

mercoledì 14 ottobre 2020

Il taglio di voli operato da Alitalia ed altre compagnie da e per gli aeroporti di Brindisi e Bari costituisce un gravissimo danno per la Puglia, per la nostra economia e per la mobilità dei cittadini. Per questo, i deputati pugliesi di Fi (Mauro D’Attis, Francesco Paolo Sisto, Dario Damiani, Vincenza Labriola, Elvira Savino e Carmela Minuto) depositeranno domani alla Camera e al Senato un’interrogazione diretta al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, ma non basta perché il tema è di grandissima rilevanza: "Dobbiamo sentirci tutti in prima linea e tutta la politica pugliese deve essere all’altezza, senza distinzioni di colore politico, di fare quadrato e collaborare per raggiungere risultati. Come delegazione parlamentare di Forza Italia Puglia, quindi, avvertiamo l’esigenza di invitare tutti i colleghi della nostra Regione ad un incontro martedì prossimo: un’occasione per dialogare e condividere un appello forte al governo affinché si esperisca ogni strada utile a garantire un servizio aeroportuale dignitoso ad una Puglia turistica, ad una Puglia che vuole risalire la china dell’economia e ad una Puglia che può e deve assicurare ai suoi cittadini collegamenti quotidiani frequenti e idonei soprattutto con la Capitale e con le maggiori città italiane. Ci auguriamo che, per amore della nostra terra, i colleghi parlamentari sentano la necessità di superare le appartenenze politiche, indossando una sola maglia: quella della nostra Puglia”.

«Non possiamo parlare di ripartenza e di sviluppo, se il territorioresta isolato. Questa assurda beffa dei tagli ai collegamenti aerei da e per il Salento non può e non deve continuare: i nostri rappresentanti politici si facciano sentire oppure vadano a casa». Lo aveva già rimarcato a giugno, con un appello alla mobilitazione generale per rivendicare un deciso cambio di passo su trasporti e infrastrutture e ora, dopo l’ennesimo taglio dei volideciso da Alitalia e la riduzione degli stessi operata anche dalle compagnie low cost, il segretario generale della Uil di Lecce, Salvatore Giannetto, rincara la dose: «La situazione è inaccettabile: stanno mettendo in ginocchio il nostro territorio e noi stiamo a guardare. Quel che non capisco è come si possano far passare così sotto silenzio decisioni di questo tipo. Perché ci troviamo di fronte sempre al fatto compiuto e non riusciamo ad agire prima per tutelare gli interessi di questo territorio? Se penso a tutti i servizi e le voci che si sono alternate nel periodo estivo sui media locali, in primis sul Nuovo Quotidiano di Puglia, davvero non riesco a comprendere come mai, oggi, siamo di nuovo allo stesso punto. Forse a qualcuno non è chiaro che il Salento non vive solo di turismo e che quello dei collegamenti aerei non è solo un problema “estivo”.

Qui abbiamo aziende e professionisti di vari settori che si spostano tutto l’anno e non possono sostenere costi assurdi, persino più pernottamenti, magari per una riunione di lavoro a Milano. È necessario che le istituzioni a tutti i livelli si mobilitino subito e prendano una posizione chiara, così come è ora che i nostri rappresentanti in Parlamento alzino la voce con il Governo per far valere le istanze di questo territorio». Per Giannetto, ora è fondamentale continuare a “fare rumore”: «Ha ragione il presidente di Confindustria Lecce, Giancarlo Negro, quando dice che questa deve essere la “battaglia delle battaglie», sottolinea il segretario Uil.

«Dobbiamo mobilitarci tuttiinsieme, dalle istituzioni ai politici, dalle imprese ai sindacati. Perché se non risolviamo prima i problemi che riguardano icollegamenti e le carenze infrastrutturali che ci trasciniamo dietro da anni, ha poco senso anche continuare a parlare di progetti come i Cis, i contratti istituzionali di sviluppo. Se continuiamo ad accettare questi tagli ai collegamenti, andiamo incontro solo a un progressivo isolamento economico e sociale. La verità è che qualsiasi azione strategica non potrà mai concretizzarsi e raggiungere gli obiettivi prefissati se il territorio resta isolato. Perciò è fondamentale – conclude - che i nostri politici in primis si diano una mossa e siamo pronti a raggiungerli a Roma, a organizzare un sit-in sotto la sede del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per impedire che scelte del genere continuino a penalizzare ed emarginare ulteriormente il Salento».

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
12/10/2020
SALENTO – Ciclicamente torna il tema della ...
Economia e lavoro
10/10/2020
L'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico ...
Economia e lavoro
01/10/2020
Le imprese avranno la possibilità di validare e ...
Economia e lavoro
16/09/2020
Maggiorazione del 50% dell’accredito d’imposta ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...