Il limbo dei lavoratori turistico-alberghieri che non rientrano nei sostegni

domenica 21 giugno 2020

Un gruppo di lavoratori del settore turistico ed alberghiero, sostenuti dal sindacato Cobas di Brindisi, denunciano la loro situazione assurda che non li vede né lavorare a causa corona virus e né prendere un sostegno dal Governo perché all’INPS non risultano con il codice S di stagionali pur essendolo di fatto da venti anni . Un fatto prettamente burocratico che ha ridotto alla fame migliaia di lavoratori del settore turistico-alberghiero. Si parla tanto di questo nel cosiddetto Decreto Rilancio che mette al primo posto il turismo e poi si lasciano morire di fame le persone che ci lavorano... Di seguito la lettera aperta delle lavoratrici e dei lavoratori: "Ci rivolgiamo con questa lettera aperta a tutte le istituzioni e rappresentanti locali, regionali, nazionali e al Presidente di Federalberghi. Lo scopo è quello di intervenire sul Governo affinché realizzi un nuovo provvedimento legislativo che inserisca tra i destinatari delle misure di sostegno al reddito anche migliaia di lavoratrici e lavoratori del settore alberghiero turistico tagliati fuori dal sostegno economico Governativo. Sostegno necessario per dare da mangiare alle nostre famiglie oltre che poter pagare chiaramente bollette e mutui.

Come primo risultato della mobilitazione abbiamo ottenuto un incontro con il Presidente della task force regionale sulla occupazione, Leo Caroli, che si è dichiarato immediatamente disponibile ad incontrarci e ci ha indicato la data di domani, lunedì 22 giugno, alle ore 10:30. Nell’incontro spiegheremo al Presidente Caroli che lavoriamo da venti anni di fatto come stagionali ma sulla carta abbiamo avuto assunzioni con altre diciture, tipo contratto a tempo determinato . Il fatto di avere forme contrattuali diverse dagli stagionali ci ha tagliato fuori dal sostegno governativo, l’INPS rifiuta le nostre domande. Chiederemo il sostegno della Regione Puglia affinchè si adoperi presso il Governo per una correzione del quadro normativo quanto mai necessaria per includere la nostra situazione. Noi non prendiamo un euro da marzo, da quando gli alberghi e le strutture ricettive hanno visto crollare le presenze. Siamo stati lasciati a casa senza cassa integrazione e senza sostegno del Governo e ci vediamo letteralmente morire di fame tanto da pensare ad ulteriori forme estreme di protesta. Ringraziamo anticipatamente tutti quelli che ci aiuteranno a riprenderci la nostra dignità che avevamo perso da tempo. Facciamo appello a tutti quelli che sono nella nostra stessa condizione per essere presenti in tanti già alle 9:00 di domani mattina davanti alla Presidenza della Regione Puglia sul lungomare Nazario Sauro di Bari."

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
10/07/2020
PUGLIA - "Sarà una campagna dell'uva lacrime e ...
Economia e lavoro
22/06/2020
BRINDISI - Ancora brutte sorprese per l'aeroporto ...
Economia e lavoro
20/06/2020
Il presidente dell’Ordine degli Psicologi della ...
Economia e lavoro
19/06/2020
SALENTO - L'unione dei sindaci di centrosinistra, che ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...