Rider e caporalato, l’inchiesta milanese su Uber mette in allerta anche Brindisi

domenica 31 maggio 2020

Le forze dell'ordine alzano la guardia sul controllo dei rider. La Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano ha disposto l'amministrazione giudiziaria, ossia il commissariamento, di Uber Italy srl, la filiale italiana del gruppo americano, per caporalato, in particolare per lo sfruttamento dei rider addetti alle consegne di cibo per il servizio Uber Eats. Lo ha scritto l'ANSA, che su Uber Italy è in corso un'indagine condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf e coordinata dal procuratore aggiunto Alessandra Dolci e dal pm Paolo Storari. Inevitabili i riflessi anche in Puglia: a Brindisi se ne stanno occupando i carabinieri. Comunque i Carabinieri in tutta Italia ascoltano rider su condizioni lavoro. I carabinieri del Comando Tutela Lavoro e di tutti i Comandi provinciali dell'Arma sul territorio nazionale hanno intervistato oltre mille "rider", operanti per le principali piattaforme virtuali del "food delivery", al fine di acquisire informazioni utili alle indagini in corso, delegate all'unita specializzata dell'Arma dalla procura di Milano, sulla gestione del rapporto di lavoro da parte delle citate piattaforme. Le attività dei militari si sono svolte su strada e contestualmente in tutte le province ed hanno consentito di "fotografare", attraverso la voce dei lavoratori e delle condizioni reali constatate sul territorio, le modalita' di svolgimento del servizio e le forme di tutela loro garantite, sia sotto il profilo della sicurezza sia sanitario.

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
14/07/2020
Era in malattia per un problema agli occhi che si ...
Economia e lavoro
13/07/2020
Sviluppare e fornire un programma di accelerazione per le ...
Economia e lavoro
10/07/2020
PUGLIA - "Sarà una campagna dell'uva lacrime e ...
Economia e lavoro
22/06/2020
BRINDISI - Ancora brutte sorprese per l'aeroporto ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...