Le intercettazioni del marinaio che scottano: contrabbando con i libici

lunedì 18 maggio 2020

Un ufficiale della Marina Militare, M.C., è finito in carcere lo scorso 11 Maggio con l'accusa di aver favorito accordi illeciti per il contrabbando di sigarette con i trafficanti libici. I finanzieri, guidati dal colonnello Gabriele Gargano, il 12 Dicembre 2018 ascoltano con un'intercettazione il sopracitato M.C. dire ad un collega: "Sono tutte robe in nero come anche che abbiamo fatto la riparazione alle armi dei libici che c'è l'embargo...questa cosa se esce, è un casino...quindi siamo andati a fare i supporti delle armi alle navi".

Il 2 Febbraio 2017 il governo italiano, guidato da Paolo Gentiloni, firma un accordo con il governo l'unico per l'assistenza alla lotta contro l'immigrazione clandestina. Bisogna inoltre ricordare che la Libia è sotto embargo ONU e dunque tutti i membri delle Nazioni Unite non possono fornire assistenza o rifornimenti in termini di armamenti e a maggio ragione non si possono vendere armi. Con l'accordo del 2017 l'Italia cede alla marina libica alcune motovedette per il contrasto all'immigrazione clandestina e la Marina militare Italiana si impegna ad acquistare il materiale necessario perché le motovedette siano operative.

Nel porto di Tripoli si avvicendano diverse navi militari italiane: Capri, Tremiti, Caprera. La procura di Brindisi ritiene che l'ufficiale italiano arrestato abbia stretto accordi illeciti per il contrabbando. Il magistrato che si sta occupando dell'inchiesta è Giuseppe De Nozza, si ipotizza anche una violazione dell'embargo ONU.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
26/11/2020
OSTUNI - Si sarebbe trattato di una vendetta consumata ...
Cronaca
24/11/2020
Ha inviato le immagini dei rapporti sessuali che aveva ...
Cronaca
21/11/2020
BRINDISI - Riva Destra interviene dopo le ultime due ...
Cronaca
20/11/2020
BRINDISI - Come se non bastasse il covid, arrivano anche i furti e i danneggiamenti. ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...