Il futuro dello sport nell’emergenza. Intervista a Fabio Manta, campione Rugby

sabato 2 maggio 2020

Quale campo della vita, se non quello sportivo, occupa il tempo libero della quasi totalità degli italiani e ne influenza gli umori e le reazioni? Il movimento sportivo italiano, in questo momento di grande difficoltà, tramite messaggi pubblicitari, campagne di comunicazione, ma anche con iniziative concrete e individuali, dettate dalla propria coscienza, sta fornendo il suo contributo per tenere a galla il Belpaese. Le realtà agonistiche e dilettantistiche in Italia sono molteplici e variegate, vi sono esperienze di affermazione perentoria, di successo commerciale e presenza mediatica, e sono attive attività sportive, invece, dal carattere più riservato, discreto, vere culle di formazione e fucine dei talenti del domani.

Si potrebbe pensare, correttamente o erroneamente secondo la proprio personale sensibilità, che le seconde siano le "cantere", usando un termine calcistico, delle prime. In questo quadro dalle mille sfumature e suggestioni che è lo sport italiano, ancora in fase di compimento e contraddistinto da altissime vette e profondi abissi, si inserisce la sua funzione sociale e pedagogica: si cresce praticando attività sportiva? La risposta sembrerebbe scontata, banale, eppure una nuova Primavera per l'Italia non può prescindere da una riflessione sul ruolo che la competizione avrà. L'attuale modello economico, essenzialmente radicato in Occidente, ha trasformato una parte consistente del gioco in spettacolo, alimentato dalle speculazioni finanziarie e dal poco democratico intervento del denaro. Al contrario, la maggioranza delle realtà è legata ad una logica emotiva, quasi romantica, che vede nello sport un mezzo di riscatto sociale, di rivalsa personale, di morigerata competizione, di superamento dei propri limiti fisici, caratteriali e umani, di orgoglio cameratesco nelle discipline di squadra. La funzione sociale non è legata solo alla sfera individuale della persona, o di contro all'onore e al prestigio nazionale, ma ad un importante capacità di sottrarre braccia, forza lavoro, manodopera alla criminalità, a forme di associazione pericolose per sé stessi e per gli altri. Il movimento sportivo in un contesto democratico non diventa, dunque, solo uno strumento per rilanciare la posizione del Paese nel consesso internazionale, ma assume una venatura politica, nel senso più alto del termine, che alimenta circuiti di entusiasmo, vitalità, di rinnovata forza e vigore nelle giovani generazioni e nelle classi dirigenti che hanno a cuore il domani.

Immaginiamo una giornata di sole, mare e allegria, con gli ombrelloni sul bagnasciuga e le famiglie spensierate: questo è un paesaggio naturalista che non vedremo per molto tempo, ma ciò non toglie che il turismo e la fruizione di un bene pubblico come la spiaggia non possano rinnovarsi e reinventarsi in forme nuove, originali, capaci di confrontarsi con una sfida decisiva. Lo sport è quel bellissimo paesaggio naturalista: non lo vedremo, non lo sentiremo, non lo ameremo o odieremo per tanto tempo, ma sappiamo che esiste, che perdura ancora, e che sarà ancora più forte e bello se saremo in grado di scoprire e coinvolgere in modalità alternative e innovative.

Oggi abbiamo intervistato Fabio Manta, esponente di primo piano del Rugby salentino e nazionale. Fabio Manta, classe 1982 vive ad Aradeo, con un passato da mezzo fondista e sprinter in atletica leggera (8 anni di attività) intraprende la carriera rugbistica nella Stagione Sportiva 2001/2002 con il CUS Lecce Rugby con il quale vincerà per 3 stagioni il Campionato di Serie C2. Sarà tesserato nelle fila del Villa Pamphili Rugby Roma in Serie C1 dalla Stagione Sportiva 2004/2005 e nel Forlí RFC dalla Stagione Sportiva 2006/2007 sempre in Serie C1. Rientra a Lecce nella Stagione Sportiva 2009/2010 nella quale guida da Capitano e poi da Coach nuovamente il CUS Lecce Rugby. Dalla Stagione 2014/2015 scende in campo con la debuttante Salento Rugby, Associazione che Presiede e con la quale dal 2006 organizza importanti tornei di Beach Rugby. Con la squadra tarantata vince il campionato di Serie C2, la Coppa Puglia e il Magna Grecia Beach Rugby Cup (importante competizione che da l’accesso alle Finali Scudetto) nella Stagione Sportiva 2016/2017. É proprio il Beach Rugby la disciplina che predilige sin dal 2002. Gioca 8 Master Finali per lo Scudetto e guida da coach la Nazionale Italiana Femminile nel 2018 e la Maschile nel 2019 agli Europei di categoria, vincendo un argento e un bronzo. Dal 2012 é il Delegato della Federazione Italiana Rugby per la Provincia di Lecce. Insignito della Stella di Bronzo al Merito Sportivo nel 2019.

Quale futuro si può programmare il rugby italiano in questo momento? Continuerà nella sua forma attuale, che erroneamente alcuni definiscono "violenta", oppure cambierà?

"Purtroppo in questo momento possiamo solo cercare di prepararci a qualunque evenienza. É difficile programmare dato che non conosciamo né per quanto tempo durerà l’epidemia né come si evolverà. Sono al vaglio un ventaglio di ipotesi e la collaborazione con le Associazioni sul territorio ci consente di non perdere il contatto con tutti gli atleti e gli appassionati".

Uno sportivo di professione, che dell'agonismo ha fatto una missione di vita, quali consigli può dare alla cittadinanza, anche a chi svolge attività amatoriale, per tenersi in forma e coltivare le proprie passioni?

"Di professione non sono, ahimè, uno sportivo. Il Rugby occupa buona parte della mia vita, nella quale ci sono anche gli affetti e il lavoro. In questo periodo di quarantena e di lontananza dai campi ho comunque coltivato la mia passione informandomi, cercando di organizzare il futuro e comunque non perdendo mai i contatti con i ragazzi e le ragazze che alleno. Ho proposto loro lavori e schede di ricondizinamento fisico perché devono essere in forma per la ripartenza".

Il movimento sportivo italiano uscirà ridimensionato da questo stato di fermo oppure si può utilizzare questo spazio sapientemente per delineare nuove strategie del domani, sperando di ridurre il divario con il calcio, la disciplina più apprezzata nel nostro Paese?

"Nessuno sport ne uscirà ridimensionato. Questa pandemia é senza dubbio un evento eccezionale. Per ovvi motivi più economici, che sportivi, non possiamo in alcun modo pensare di primeggiare sul calcio, almeno nel breve periodo. Per quanto mi riguarda ne usciremo vittoriosi se riusciremo a riconfermare tutti i tesserati della Stagione in corso. Anche se il lavoro in campo é fermo non bisogna dimenticarsi mai di tutto ciò che c’è dietro, la parola d’ordine è 'organizzazione'".

È giusto sospendere definitivamente tutte le competizioni per quest'anno oppure si deve aspettare?

"La Federazione Italiana Rugby é stata la prima ad aver annullato la Stagione Sportiva 2019/2020. La decisione, seppur difficile, non può che essere condivisa da tutti. La situazione senza precedenti ha reso necessario il blocco di tutte la competizioni soprattutto quando ad essere messa a rischio è la salute degli atleti e di tutto il loro entourage, priorità e obiettivo principe di ogni attività sportiva per definizione. Per me è stata una scelta giusta, alla quale hanno fatto seguito anche altre importanti Federazioni, nonché il Comitato Olimpico Internazionale (CIO). Ritorneremo presto a calcare i campi, palla ovale tra le mani, con ancora più entusiasmo".

Gli sportivi di tutta Italia sono alacremente impegnati, individualmente o collettivamente, in azioni di solidarietà a sostegno del sistema Paese. Come può il movimento sportivo, nel suo insieme, incidere positivamente nelle dinamiche sociali ed economiche che fronteggiano questa pandemia?

"Lo sport è un elemento di aggregazione. La sua funzione principale é quella di far stare bene chi lo pratica, far divertire chi lo segue e dunque portare benessere. Il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) e le Federazioni stanno facendo tanto per sostenere chi vive di sport e dunque le Associazioni che rendono fruibili le diverse discipline. Come al solito, l’Italia ha dato prova di saper reagire bene nei momenti difficili. Dobbiamo ancora essere focalizzati sulla meta finale, ne usciremo bene... grazie anche allo sport".

Il rugby, storicamente, è visto come una pratica sportiva inclusiva, sia fisicamente sia socialmente. A livello di valori, che cosa può trasmettere il rugby in questo momento?

"Essere un rugbista ti da la capacità di superare qualunque ostacolo e difficoltà. Sostegno, coraggio, rispetto sono solo tre dei valori che il Rugby ha nei suoi fondamenti... ed in questo periodo credo che servano e non poco!".

Thomas Invidia

Altri articoli di "Altri Sport"
Altri Sport
06/03/2020
BRINDISI - Stop ai campionati di calcio dilettantistico ...
Altri Sport
03/03/2020
Sono ben 15 le medaglie conquistate dalla squadra brindisina del Maestro Marco Cazzato ...
Altri Sport
18/02/2020
RICCIONE/BRINDISI - "Esattamente un anno fa, dopo i ...
Altri Sport
16/02/2020
La Happy Casa Brindisi si ferma all’ultimo passo dal ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...