Lezioni a distanza per le chiusure, scuole impreparate. Leo: “Le assisteremo”

giovedì 5 marzo 2020

PUGLIA - Ieri, in tarda serata, il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, ha annunciato, tra le altre misure del nuovo DPCM del 4 Marzo, la chiusura di tutte scuole di ogni ordine e grado in Italia fino al 15 marzo per frenare l'avanzamento del virus ed evitare che gli ospedali esplodano. Data la straordinarietà della situazione, la popolazione si chiede, sopratutto i maturandi ed i laureandi, che ne sarà dell'anno scolastico e dell'anno accademico. Tante le ipotesi al vaglio del legislatore: recuperare questi giorni a giugno, non recuperare, voto "politico" finale per chi conclude gli studi, se non si potesse piú poter frequentare per il Covid-19 che sta attanagliando l'Italia. Molte scuole nell'era di internet, dello strapotere dei social e delle video conferenze si sono risvegliate incapaci di continuare le lezioni a distanza: è clamoroso in una società tecnologica come la nostra, in cui basta poco per allestire una piattaforma online e continuare a fare lezione.


A Bergamo sono partite le lezioni online: si usano tutti i canali e i social possibili, persino whatsapp. Con Facebook si possono fare le dirette delle lezioni e controllare gli alunni che sono collegati: dunque, la didattica potrebbe proseguire tranquillamente con un po' di impegno, ma il problema è che le nostre scuole sono ancora impostate su un sistema di fruizione vecchio. Il Ministero della Scuola, guidato da Lucia Azzolina, ieri ha reso noto che si potrà fruire, per il personale scolastico, dei materiali virtuali per le lezioni a distanza, affinchè non ci si arretri troppo con i programmi delle materie. In questa situazione di incertezza istituzionale, abbiamo intervistato l'Assessore Regionale alla Formazione, alle Politiche per il lavoro, al Diritto allo Studio, all'Istruzione e all'Università della Regione Puglia, Sebastiano Leo.

Assessore, come sarà garantita l'istruzione ordinaria fino al 15 Marzo?

"
Data la contingenza attuale, la didattica ordinaria sarà accantonata. Siamo impegnati per garantire un servizio pubblico essenziale come quello scolastico, ma non tutte le scuole sono attrezzate e alcune sono piú avanti di altre in materia digitale. Questa mattina abbiamo una riunione con l'Ufficio Scolastico Regionale e implementeremo i materiali a disposizione per docenti e studenti".

Qual è stata la reazione dei dirigenti scolastici dopo la notizia del Decreto?

"Credo che nessuno si aspettasse un provvedimento di questo genere. Siamo in contatto anche con i presidi ed anche loro stanno manifestando grande volontà di collaborare. La situazione è emergenziale e dobbiamo capire cosa ci diranno dal Ministero della Scuola. Saranno informati quanto prima circa le novità per la didattica virtuale".

Ci sono delle misure al vaglio del legislatore per aiutare le famiglie con genitori che lavorano?

"Sì, il governo nazionale si sta muovendo in tal senso. Saranno applicate delle misure a breve e saranno stanziati anche dei fondi, vi dico in anticipo che anche l'ente Regione Puglia contribuirà con misure particolari e anche a livello economico per le famiglie. Le famiglie ed i lavoratori, in un momento come questo, sono le prime categorie da tutelare".

Se il provvedimento dovesse essere prorogato oltre il 15 Marzo, che cosa succederebbe?

"Senz'altro la situazione sarebbe ancora piú straordinaria. È presto per dirlo, però in questi giorni si dovrà potenziare la nostra capacità di fare lezione virtualmente, anche per una possibile proroga della chiusura degli istituti scolastici per via del Covid-19. Noi attendiamo indicazioni dal Ministero della Scuola e dal Governo, ma dobbiamo essere preparati a qualunque evenienza".

Thomas Invidia 

Altri articoli di "Scuola"
Scuola
07/04/2020
L'Assessore regionale all'Istruzione, Sebastiano Leo, ...
Scuola
06/04/2020
PUGLIA - L'Assessore regionale all'istruzione, Sebastiano ...
Scuola
01/04/2020
Elevato rischio di ricorsi, il Ministero vorrebbe ...
Scuola
27/03/2020
BRINDISI - La classe 2019/2020 difficilmente dimenticherà la sua tanto agognata ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...