DIA: Il no agli impianti e alle tecnologie per smaltire i rifiuti favorisce la mala

giovedì 30 gennaio 2020
 *Rifiuti, Amati: “Lo dice pure la DIA. Il no agli impianti e all’ambientalismo tecnologico favorisce il crimine”*
 
“Le cause delle continue emergenze sui rifiuti sono da ricondurre alla mancanza di impianti. Ciò perché si allunga l’iter di trattamento e trasporto, avverando il motto ‘Trasi munnizza e n’iesci oro’, e si favorisce l’inserimento nel processo delle organizzazioni criminali. Insomma, il no agli impianti e quindi all’ambientalismo tecnologico non può essere tollerato in nessun programma amministrativo o politico-elettorale”.
 
Lo dichiara il Consigliere regionale Fabiano Amati, Presidente della Commissione regionale bilancio, commentando il focus “Mafia&Rifiuti” contenuto nella Relazione semestrale al Parlamento del Ministro dell’interno sull’attività svolta e i risultati conseguiti dalla Direzione Investigativa Antimafia (DIA).
 
“Secondo la relazione e in base alle attività d’indagine, l’emergenza che caratterizza alcune aree del paese, compresa la Puglia, ha come causa l’assenza di adeguata impiantistica, che peraltro impedisce l’autosufficienza almeno regionale come previsto dalle norme. Una situazione che, espandendo il procedimento, finisce per mancare il completamento del ciclo, favorire le discariche e l’inquinamento ambientale e consentire l’infiltrazione delle organizzazioni criminali. A tutto discapito – sempre secondo la relazione – del futuro delle prossime generazioni, che non può essere assicurato solo dall’azione giudiziaria”.
 
“Mi pare dunque di poter riassumere – prosegue Amati – che siamo di fronte a una richiesta d’aiuto alle amministrazioni pubbliche per meglio fronteggiare la criminogena situazione, vertente su tre linee d’azione: realizzare l’autosufficienza nello smaltimento dei rifiuti e del loro trattamento in ambiti territoriali ottimali, perché più rifiuti, più passaggi, più chilometri, più affari in vista;  permettere lo smaltimento dei rifiuti e il recupero dei rifiuti urbani indifferenziati in uno dei luoghi idonei più vicini alla produzione o raccolta, al fine di ridurre i movimenti dei rifiuti stessi, tenendo conto del contesto geografico o della necessità di impianti specializzati per determinati tipi di rifiuti; utilizzare i metodi e le tecnologie più idonei a garantire un alto grado di protezione dell’ambiente e della salute pubblica”.
 
“In poche parole. Per preservare l’ambiente, la legalità, le libertà e il progresso raggiunti dalle persone occorre che ci si apra sempre a tutte le innovazioni tecnologiche dirette a contenere e ridurre al massimo i danni. E questo – conclude – perché la tutela ambientale è qualcosa di molto concreto e non un teorico programma socio-politico su non meglio specificati modelli di sviluppo che alcuni uomini, purtroppo, pensano di poter imporre agli altri in nome di ciò che secondo loro è il bene e il male”.
 
Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
28/02/2020
BRINDISI - Doretto Marinazzo, presidente Legambiente ...
Ambiente
11/02/2020
?BRINDISI - Si è svolto nella mi attinata odierna, ...
Ambiente
10/02/2020
BRINDISI - Gli ambientalisti tirano le somme del dibattito sul futuro ambientale della ...
Ambiente
29/01/2020
 Giunge in Conferenza Stato-Regioni l’attesa ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...