Primarie sotto tono, Amati chiama alle armi renziani e vendoliani

giovedì 2 gennaio 2020

BRINDISI - Il 12 gennaio sarà il giorno della resa dei conti nel centrosinistra: la campagna elettorale per le consultazioni di base è stata abbastanza spenta fino ad oggi. Fabiano Amati, Elena Gentile e Leonardo Palmisano stanno sfidando Michele Emiliano, il governatore uscente sostenuto apertamente dai sindaci che lui ha aiutato, Decaro e Carlo Salvemini. Le battaglia è difficile: gli sfidanti si misurano con una macchina da guerra già ben rodata. Ecco perché Amati chiede il supporto dell’ala di centrosinistra anti-Emiliano: renziani, vendoliani e Stefano.  “Non partecipare alle Primarie rischia di rivelarsi il miglior aiuto a Emiliano, perché sicuramente perde chi non combatte. Per questo chiedo a Italia viva, Azione, Giusta causa e Dario Stefàno di prendere parte alla competizione e metto a loro disposizione la mia candidatura per aggiungere eventuali condizioni a garanzia del migliore svolgimento”. Lo dichiara il Consigliere regionale Fabiano Amati, candidato alle Primarie del centrosinistra fissate per il prossimo 12 gennaio 2020.

“Mi pare che la situazione sia molto difficile per l’intera coalizione in vista delle elezioni regionali. Per questo non posso restare impassibile di fronte al disimpegno di Italia viva, Azione e Giusta causa, così come non trovo giusto liquidare con qualche battuta o insulto le critiche di Dario Stefàno - prosegue Amati -. Bisognerebbe ricordare, infatti, che la legge elettorale regionale è fortemente maggioritaria e quindi non tollera divisioni o disimpegni. Capisco benissimo le obiezioni di programma e di metodo che queste forze politiche pongono nei confronti di Emiliano; le capisco perché nella quasi totalità sono pure le mie e degli altri Consiglieri regionali di C-Entra il futuro. Ma per far vincere le nostre proposte di soluzioni ai problemi e un metodo di governo nuovo bisogna impegnarsi e coalizzarsi affinché il 12 gennaio esca un risultato diverso da quello che temono Italia Viva, Azione, Giusta causa e Stefano. Come fare? Entrando in campo e vivendo pienamente la competizione, per evitare - conclude - che il 13 gennaio possa cominciare il solito festival delle occasioni perdute”.

Altri articoli di "Politica"
Politica
13/08/2020
PUGLIA - Hanno stupendo anche da curca 10 mila euro al ...
Politica
12/08/2020
PUGLIA - L' "annuncite" è una brutta ...
Politica
12/08/2020
PUGLIA - Svolgere il lavoro di ufficio stampa e di ...
Politica
08/08/2020
Il 20 e 21 settembre i cittadini italiani saranno chiamati ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...