Armi detenute illegalmente, un fiume di denunce

martedì 19 novembre 2019

Cosa se ne fanno di un'arma così tante persone nel Brindisino? Ogni giorno c'è una denuncia e i dubbi sono tanti. Gente incensurata, ma anche criminali vengono spesso scoperti mentre se ne vanno in giro con l'arma in macchina o nei pantaloni. Oggi tra nuovi casi. I Carabinieri della Stazione di Ceglie Messapica hanno tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione abusiva di armi, un 50enne del luogo, poiché a seguito di specifico controllo domiciliare, i militari operanti hanno accertato la detenzione abusiva della pistola revolver marca Weihrauch cal. 38 special e 6 proiettili calibro 38 special. L’arma e il munizionamento sono risultati essere intestati ed in carico alla suocera 60enne del luogo, la quale è stata denunciata per aver ceduto l’arma senza adempiere alle prescrizioni di legge in materia.

Altro caso di arma abusiva  a Francavilla, dove i carabinieri, nel corso di specifico servizio di controllo alle armi e munizioni legalmente detenute, hanno denunciato un 66enne del luogo, poiché, sebbene sprovvisto del titolo di polizia previsto, deteneva un fucile a retrocarica calibro 16, marca “Franchi”, regolarmente denunciato dal padre, deceduto nel 1996. L’arma è stata sottoposta a sequestro.

Poi, c'è chi tiene in casa direttamente i proiettili. I Carabinieri della Stazione di Ceglie Messapica hanno deferito in stato di libertà, per detenzione abusiva di armi, un 71enne del luogo. A seguito di specifico controllo domiciliare, i militari operanti hanno riscontrato la detenzione illegale di 100 cartucce calibro 22, sottoposte a sequestro.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
13/07/2020
FASANO - È morto sulla strada provinciale che ...
Cronaca
12/07/2020
I Carabinieri della Stazione di San Vito dei Normanni hanno arrestato COLUCCI Antonio, ...
Cronaca
11/07/2020
OSTUNI - La polizia, dopo lunghe indagini, a stretto il ...
Cronaca
10/07/2020
BRINDISI - I Carabinieri della Sezione Radiomobile del ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...