Continua la protesta degli imprenditori portuali brindisini

sabato 16 novembre 2019

“La protesta degli imprenditori portuali brindisini è assolutamente giustificata e trova fondamento in una crisi gravissima che mina la sopravvivenza delle stesse aziende. Nessuno è più autorizzato a rimanere in silenzio e soprattutto a non fare tutto il possibile perché la questione-Brindisi venga posta all’attenzione del Governo nazionale”. Lo afferma il Presidente della Commissione Sanità della Regione Puglia Pino Romano, il quale ritiene che la misura sia ormai colma. “Per troppo tempo Brindisi ha subito un ruolo predominante della grande industria che, di fatto, ha condizionato lo sviluppo economico dell’intera area – aggiunge Romano – sacrificando alcune vocazioni naturali del territorio per far posto a produzioni ad alto rischio, nell’esclusivo interesse dello Stato (vedi energia, chimica, farmaceutica). Oggi l’esigenza prevalente è quella di salvaguardare l’ambiente e la salute dei cittadini.

Da qui partono grandi sconvolgimenti, a cominciare dalla decarbonizzazione che interesserà direttamente il territorio brindisino. Una scelta importante, che certamente va nella giusta direzione. Ma il peso del cambiamento epocale non può e non deve pesare solo sulle spalle degli imprenditori e dei lavoratori brindisini. Per Brindisi, al pari di Taranto, va chiesto immediatamente il diretto coinvolgimento del Governo nazionale, affinché la crisi possa essere affrontata con risorse e strumenti adeguati”.

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
14/01/2020
È nata Legal Building Academy (LBA) dinamica e ...
Economia e lavoro
04/01/2020
BRINDISI - La Uil bacchetta la politica, con una nota di ...
Economia e lavoro
26/12/2019
BRINDISI - I lavoratori REVISUD saranno in sit in in Piazza Santa Teresa davanti alla ...
Economia e lavoro
19/12/2019
L’Adiconsum Puglia, associazione a difesa dei ...
«No Bomb, Yes Love» è il concerto di Eugenio Finardi, Bungaro, Raffaele Casarano e Mirko Signorile ...