Legambiente dopo la richiesta di rinvio a giudizio per 11 dirigenti: “Pericolo cancerogeno”

martedì 15 ottobre 2019

Per 11 dirigenti dell’Enel è stato chiesto il rinvio a giudizio per reati connessi alla miscelazione di ceneri con altri rifiuti, alla pericolosità ambientale di tali materiali da smaltire ed al loro trasferimento al Cementir nella produzione di cemento. “Legambiente, sin da quando fu aperta l’inchiesta giudiziaria, ha evidenziato come questa pratica fosse assolutamente costante nella centrale termoelettrica Brindisi sud e quale fonte di pericolo fossero elementi, anche cancerogeni, presenti nelle ceneri - spiega il presidente Doretto Marinazzo - 

È francamente sconcertante che Enel indichi la soluzione promossa, per altro al di fuori di qualsiasi controllo e ricorrendo ad una inaccettabile miscelazione di rifiuti, quale esempio positivo di economia circolare.

Legambiente seguirà con attenzione gli sviluppi dell’inchiesta giudiziaria e dichiara di essere pronta a costituirsi in giudizio”.

 

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
07/11/2019
BRINDISI - Versalis (Eni) informa che lo stabilimento di ...
Ambiente
05/11/2019
Xylella e calamità, adesso gli agricoltori non ne ...
Ambiente
29/10/2019
BARI - Si è svolta quest’oggi presso la sede ...
Ambiente
24/10/2019
Nella sala conferenze di Palazzo Adorno è stato ...
Regione Puglia è Comune di Brindisi quest’anno hanno unito le forze (soprattutti i soldi) per chiudere il ...