Il Teatro lancia il laboratorio di formazione teatrale “Officina Verdi”

mercoledì 25 settembre 2019

BRINDISI - Si è svolta questa mattina nel foyer del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi la conferenza stampa di presentazione dello spot della stagione artistica 2019-20 e del laboratorio di formazione teatrale «Officina Verdi», un percorso articolato per fasce di età, in programma nel Teatro da novembre a maggio prossimi.


All’incontro hanno partecipato il sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi, il presidente della Fondazione, Katiuscia Di Rocco, il direttore artistico del Nuovo Teatro Verdi, Carmelo Grassi, oltre ai protagonisti dello spot e del laboratorio teatrale. «La Fondazione è al centro della vita culturale della città - ha esordito il sindaco Riccardo Rossi - e lo spot, più che porre l’attenzione sugli spettacoli della stagione, si sofferma sul rapporto tra la città e il teatro, tra la bellezza del paesaggio e il valore della scena.
Oggi il teatro amplia le sue attività nell’idea che la scena sia centro, stimolo e collante per la comunità e per questo si è pensato di attivare un laboratorio che potesse coltivare i talenti e incentivare i processi di relazione. Il Verdi è sempre più per tutti e ci piace l’idea che la passione per il teatro diventi un contagio anche per chi sogna un ruolo non solo da spettatore».

«Lo spot di quest’anno - ha aggiunto Carmelo Grassi -, un altro straordinario lavoro del regista Mimmo Greco, corre sullo slogan che definisce le emozioni “magiche trasformazioni del mondo”. Lo spot è il viaggio di un curioso esploratore che osserva la città come uno spettatore fa con uno spettacolo teatrale. Lui scopre la bellezza dei luoghi e se ne lascia colpire, la meraviglia e lo stupore lo cambiano al punto da fargli apparire il mondo diverso, magicamente trasformato. Un po’ quello che fa il teatro, la scena, con lo spettatore. Lo spot verte su questo parallelo. Poi c’è il laboratorio che si avvarrà del contributo di due personalità della scena come Sara Bevilacqua e Fabrizio Saccomanno. È il momento di dare campo anche a coloro che vogliano vivere il teatro da una prospettiva diversa. Sottolineo il gran lavoro e la cura di chi sta dietro le quinte nella struttura e che mi sento di ringraziare. Come anche il main sponsor Enel, il partner Eni e i sostenitori Intesa San Paolo, Confindustria Brindisi, Habitat e Ance Brindisi». Oltre allo spot e al laboratorio teatrale, Katiuscia Di Rocco ha annunciato un’altra importante novità per le attività del Teatro: «Stiamo predisponendo nel foyer - ha detto - una piccola biblioteca del teatro con testi di storia, sociologia edrammaturgia: l’idea è di comporre una memoria che possa essere tramandata ai ragazzi, che spesso non hanno avuto l’opportunità di conoscere il grande teatro del passato.

Dunque, questa biblioteca potrebbe costituire lo spazio per raccogliere testi antichi e nuovi, filmati, libri, locandine, tutto quanto fa “memoria” del teatro». «Il laboratorio - hanno concluso i curatori Sara Bevilacqua e Fabrizio Saccomanno - sarà il luogo nel quale ognuno potrà esprimere i propri lati creativi grazie all’uso del linguaggio teatrale. I gruppi lavoreranno alla creazione di uno spettacolo ma sarà importante incentivare la relazione, la disponibilità all’ascolto, l’espressione senza paure, la fiducia nel gruppo.Corpo, voce, gesto: queste tre parole popoleranno il luogo del laboratorio, permettendo a ognuno di raccontare la propria storia».

IL TEATRO E LE MAGICHE TRASFORMAZIONI DEL MONDO: LO SPOT DEL NUOVO TEATRO VERDI _ STAGIONE 2019-20
 

Un uomo col pigiama e una valigia. Col pigiama perché è appena uscito dal sogno, ma non vuole smettere di sognare, seppure ad occhi aperti. Con la valigia perché sbarca su un mondo nel quale è destinato a rimanere, chissà per quanto tempo, come quei viaggi verso mete dalle quali non sai cosa aspettarti. Lui arriva a bordo di una barca, per lui remano tanti uomini e un timoniere traccia la rotta. È il porto di Brindisi. L’uomo, come un alieno appena approdato sopra un suolo sconosciuto, si guarda attorno e si lascia colpire dalla bellezza della città, dai suoi simboli, dalle sue anse d’accoglienza: per lui tutto è straniamento, non ha una direzione e allora segue le traiettorie della storia. Cammina, percorre il lungomare e risale la Scalinata Virgilio e ancora via Colonne. Tutto è nuovo e bello, è una dimensione fatta di sensi e di pietre, il lastricato non è solo una via ma un tracciato verso una prospettiva diversa. La storia e la bellezza di Brindisi lo trafiggono e allora lui cambia, cambia al punto da indossare occhi diversi e rivedere la città, i monumenti di piazza Duomo come stemperati su una tela impressionista. Perché la bellezza, se la sai cogliere con le emozioni che essa genera, ti consegna colori nuovi, sfumature diverse, il piacere di non smettere di guardare e di osservare. Un po’ come fa il teatro, che ridipinge la realtà dentro una scena e chi la osserva sposta in maniera incessante la propria prospettiva e le proprie certezze. L’uomo, sempre più nudo, diventa allora una maschera, incontra un fantasista e monta sui trampoli. Ai suoi occhi la realtà sta cambiando, ma sta cambiando anche lui.


Ogni svolta sulla sua strada è un magico cambio scena, la città è capace di raccontare una storia sempre nuova, ovunque si posino gli occhi, e l’uomo la ascolta e se ne lascia incantare. La bellezza non ha bisogno di occhi distratti ma di anime lente, di riflessioni, di presenze, di ascolto delle voci che la storia ci restituisce attraverso mille testimonianze. L’uomo s’imbuca nell’arco a ogiva e davanti a lui si staglia il Teatro, il gigante d’acciaio svettante sulle pietre dell’antichità romana. La bellezza raggiunge il limite, le emozioni la amplificano e la sublimano, ora il traguardo è raggiunto: ma non è un traguardo fisico, è un traguardo meravigliosamente teatrale, quello che in un istante, agli occhi dello spettatore ignaro e curioso, compie un prodigio raro: magicamente ha trasformato il mondo. «Magiche trasformazioni del mondo» è lo spot della stagione 2019-20 del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi. Diretto da Mimmo Greco, con Dario Cadei e Tiziano Casole. Segretario di produzione Daniele Guarini. Si ringrazia per la partecipazione l’associazione «Vogatori Remuri - Brindisi in Voga».

FONDAZIONE NUOVO TEATRO VERDI: AL VIA LE ISCRIZIONI AL LABORATORIO TEATRALE

La Fondazione Nuovo Teatro Verdi propone un laboratorio teatrale, dal titolo «Verdi in Lab», con la conduzione degli attori e registi Sara Bevilacqua e Fabrizio Saccomanno. Il percorso, finalizzato alla messa in scena di uno spettacolo finale di restituzione, si rivolge a due classi anagrafiche di massimo venti partecipanti ciascuna: la prima da 16 a 25 anni, la seconda a partire da 26 anni. La frequentazione del laboratorio prevede un incontro settimanale della durata di 2 ore (ore 18-20 e 20.30-22.30), da tenersi nel foyer del Nuovo Teatro Verdi da novembre a maggio, secondo un calendario che sarà aggiornato ogni mese. Le ultime prove saranno effettuate nel luogo della performance finale, dunque sul palcoscenico del politeama brindisino. «Verdi in Lab» si pone l’obiettivo di accostare gli interessati alla ricchezza espressiva del teatro attraverso processi creativi attivati sul meccanismo della relazione, dell’apprendimento e della crescita critica. Un’esperienza pensata per approfondire il lavoro di scena attraverso le qualità fisiche ed emotive, i limiti e i punti di forza di ciascun partecipante.

Favorendo l’aspetto sociale dell’arte teatrale, il laboratorio propone un percorso formativo che permetta al partecipante di acquisire le tecniche teatrali di base o affinare quelle già in possesso in un clima di incontro con gli altri, con se stessi e con la creatività: per partecipare non è richiesta alcuna esperienza teatrale, solo curiosità, voglia di mettersi in gioco e trovare uno spazio aperto per esplorare e sviluppare le proprie risorse espressive, talvolta inattese e nascoste.
Gli incontri saranno articolati in lezioni, training attoriali edesercizi finalizzati all’ascolto attivo, all’attenzione, alla concentrazione e interazione, al linguaggio del corpo, all’utilizzo della voce, all’autocontrollo, alle tecniche improvvisative, allo studio del testo, alla messa in scena dello spettacolo.

Il laboratorio sarà infatti diretto alle dinamiche sensibili della scena, tra lavoro fisico (allenamento, impulsi, azione e reazione, teatro-danza), lavoro sensoriale (sviluppo dei sensi e dell’immaginazione, reazioni emotive), lavoro teatrale (costruzione del personaggio) e messa in scena (analisi del testo, produzione dello spettacolo finale). La partecipazione ha un costo di 50 euro mensili, comprensivo di assicurazione per eventuali infortuni: per informazioni e/o iscriversi basta inviare una mail con i propri dati (compreso numero di telefono) a organizzazione@nuovoteatroverdi.com(per i minori indicare anche nome e cognome di un genitore con numero di telefono). Le iscrizioni sono aperte e si chiuderanno ad esaurimento dei posti disponibili.

Altri articoli di "Teatro"
Teatro
02/12/2019
BRINDISI - Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini si confrontano con un cult della letteratura ...
Teatro
08/10/2019
Si avvicina l’inaugurazione della stagione 2019-20 del Teatro Verdi di Brindisi: la ...
Teatro
30/09/2019
Da oggi in vendita presso la biglietteria del Teatro e ...
Teatro
04/09/2018
Teatro dei Luoghi Fest & Fineterra: in scena "Katër i Radës. Il ...
BRINDISI - Oggi nel porto di Brindisi è arrivato Babbo Natale: ad accoglierlo tanti bambini e bambine ...