I sindaci di Parma e Francavilla Fontana vincono la settima edizione di “Sindaci, ai fornelli!”

mercoledì 4 settembre 2019

Pizzarotti e Denuzzo hanno trionfato nella singolare gara di cucina organizzata a Capurso con un primo piatto a base di capunti, polpettine, peperoni e pesto di pomodoro

Il sindaco di Parma Federico Pizzarotti e il primo cittadino di Francavilla Fontana Antonello Denuzzo: sono loro i vincitori della settima edizione di “Sindaci, ai fornelli!”, la gara di cucina ideata e diretto dal giornalista e gastronomo Sandro Romano e organizzata dal Comune di Capurso e daRp Consulting, agenzia di marketing, comunicazione ed eventi, con il patrocinio della Città Metropolitana di Bari e dell’Anci e con il sostegno della Camera di Commercio di Bari, sotto l’egida del network Mordi la Puglia e dell’Accademia Italiana Gastronomia e Gastrosofia. La squadra arancione, composta da Pizzarotti e Denuzzo, seguiti dagli chef Vinod Sookar (Al Fornello da Ricci, Ceglie Messapica) e GiuseppeFrizzale (Casale San Nicola, Bisceglie) ha vinto con il piatto denominato “Miseria e nobilità”: capunti con polpettine di salsiccia, peperoni, pesto di pomodoro piccante, feta e chips di patata dolce. Il primo preparato dai sindaci di Parma e Francavilla ha conquistato la giuria, composta da personalità di alto profilo del mondo imprenditoriale e gastronomico pugliese, e sbaragliato la concorrenza delle altre squadre, che pure hanno preparato ottimi piatti.

La squadra gialla composta dai sindaci Davide Carlucci di Acquaviva delle Fonti e Giuseppe Valenzano di Rutigliano, seguiti i cuochi tutor Vincenzo Montaruli (Mezza Pagnotta, Ruvo di Puglia) e Luca Cappelluti (Caravanserraglio, Terlizzi), ha preparato un tonnetto scottato; la squadra rossa, composta dai sindaci Giuseppe Nitti di Casamassima e Stefano Minerva di Gallipoli, con i cuochi Cosimo Russo (Cosimo Russo Ristorante, Leverano) e Alessandro Pizzuto (Stammibene, Bari), ha invece elaborato un filetto di maialino gemellato; la squadra blu dei sindaciGiuseppe Colonna di Mola di Bari e Pierpaolo D’Arienzo di Monte Sant’Angelo, con i cuochi Nicola Longo (Le Rune, Bari) e Domingo Schingaro(I Due Camini, Borgo Egnazia), ha preparato uno sgombro crudo e cotto in agrodolce; la squadra viola composta da Antonio Decaro, sindaco di Bari, e Giovanni Bontempi, primo cittadino di Nocera Umbra, insieme ai cuochi Teresa Buongiorno (Già Sotto l’Arco, Carovigno) e GiuseppeBoccasini (Memorie di Felix Lo Basso, Trani), ha cucinato una ricetta a base di pesce spada; la squadra verde, con i sindaci Alfredo Longo di Maruggio e Cosimo Cannito di Barletta, seguiti dai cuochi Patrizia Girardi (Amastuola Resort Crispiano) e Antonella Ricci (Al Fornello da Ricci, Ceglie Messapica) ha infine preparato un piatto a base di strascinate, con carne tritata e calamari. Fuori concorso la squadra bianca, composta dal sindaco di Capurso, Francesco Crudele, e dal sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, che hanno cucinato un delizioso spaghetto alla “Sangiuannìidde”, con lo spaghetto integrale 100% grano italiano Divella. Alla fine, comunque, applausi per tutti i sindaci e tutti gli chef.

“Il nostro obiettivo è quello di promuovere i prodotti della nostra terra e l’enogastronomia di qualità, di cui la Puglia è grande protagonista nel panorama nazionale”, sottolinea il direttore artistico dell’evento, Sandro Romano. “I sindaci sono i più fieri rappresentanti del territorio e chi meglio di loro, dunque, può lanciare questo messaggio”. “Ringrazio i colleghi sindaci per aver accettato il nostro invito”, aggiunge il sindaco di Capurso, Francesco Crudele. “Un sentito ringraziamento va a Federico Pizzarotti e Giovanni Bontempi, i due colleghi arrivati da fuori regione e che si sono messi simpaticamente in gioco dietro i fornelli. Questa è una manifestazione ludica, ma che come sottolineato da Sandro Romano ha alla base un messaggio forte di promozione del nostro territorio attraverso l’enogastronomia. Il turismo non può prescindere dalla cucina, che è un segno distintivo della nostra Puglia”. Oltre all’ambito Sindaco/Cuoco di terracotta, nel corso della manifestazione, sostenuta dal Gruppo Megamark, con le sue insegne, i Supermercati Dok e Famila, sono stati conferiti altri due riconoscimenti: il Premio "Mordi la Puglia” al sindaco di Capurso Francesco Crudele e allo stesso Sandro Romano, e poi il Premio speciale “Mario Giorgio Lombardi”, istituito alla memoria del fondatore e governatore dell’Accademia Italiana Gastronomia e Gastrosofia, quest’anno attribuito al sindaco di Bari nonché presidente nazionale dell’Anci Antonio Decaro. Durante la serata, magistralmente condotta da Mauro Pulpito, affiancato dalla dj di Radionorba Claudia Cesaroni e con le divertenti incursioni diAntonio Stornaiolo, si è registrato il collegamento telefonico con il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, impossibilitato a raggiungere Capurso.

L’evento, causa maltempo, si è tenuto nel Palalivatino e non più sul sagrato del Santuario della Madonna del Pozzo. Un particolare ringraziamento da parte dell’organizzazione va ai partner Cippone & Di Bitetto (fornirà due prodotti di grande qualità: Acqua Lauretana e Birra Baladin), Stammibene ristobottega, Tormaresca, Olio De Carlo, ai Pastifici Divella e Centoni, un bell’esempio di sinergia tra due realtà, una industriale e l’altra artigianale, entrambe impegnate per la buona riuscita della manifestazione, senza dimenticare i food partner Tuorlo Biancofiore, Racemus, Spirito Contadino, Turco Azienda Agricola, Fulgaro Panificatori, Dolceria Sapone, Eatria. Media partner della manifestazione sono invece “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “Italia a Tavola”, “Oraviaggiando”, "Lsd Magazine” e "Amazing Puglia”. 

Altri articoli di "Enogastronomia"
Enogastronomia
26/09/2019
Appuntamento sabato 28 settembre con i cuochi de La Puglia è Servita a ...
Enogastronomia
23/09/2019
PUGLIA - I numeri danno un quadro chiaro del successo della ...
Enogastronomia
21/09/2019
Tutto pronto per “Cantine Aperte in Vendemmia”, ...
Enogastronomia
16/09/2019
Domenica 22 settembre in Puglia si brinda alla ventunesima ...
Regione Puglia è Comune di Brindisi quest’anno hanno unito le forze (soprattutti i soldi) per chiudere il ...